Città dei morti, il cimitero che si trasforma in città

Matosinhos (PT), 28 giugno - 25 agosto 2012

La Casa dell'Architettura di Matosinhos in Portogallo, ospita fino al 25 agosto, l'esposizione fotografica dedicata alla ricerca condotta dall'architetto Alberto Collet in seguito ad un seminario riguardante la progettazione ecosostenibile all'interno di uno dei piú antichi cimiteri musulmani ancora in funzione.

Attualmente il cimitero è abitato da circa un milione di cairoti, soprattutto discendenti di quella massa di gente del ceto contadino proveniente dal sud del paese e di rifugiati dai villaggi del Sinai occupato dagli israeliani, che già dall'inizio del secolo scorso, a seguito della crisi urbana degli alloggi e delle carestie, aveva iniziato a occupare le stanze adibite alla visita ai defunti come abitazioni permanenti.

La caratteristica di coabitazione tra vivi e defunti nella necropoli è un aspetto originale e unico al mondo che si è cercato di rappresentare con questo progetto fotografico indagando nella vita all'interno di questo luogo considerato dalla popolazione cairota pericoloso e marginale, quasi ad essere cancellato dalla città.

Cidade dos mortos, o cemitério que se transforma em cidade
inaugurazione e presentazione: venerdì 28 giugno 2012 ore 21:30 | ingresso libero
dove: Casa da Arquitectura, Rua Roberto Ivens, nº 582 4450-248 Matosinhos, Portogallo  

Periodo espositivo: dal 28 giugno al 25 agosto 2012 | ingresso libero
da martedí a sabato dalle ore 10.00 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19.00 

Contatti: www.casadaarquitectura.pt  info@casadaarquitectura.pt  


Alberto Collet
Nato nel 1981, è un architetto e fotografo. Ha studiato allo IUAV di Venezia e ETSAB di Barcellona, si laurea cum laude nel 2008.  Ha lavorato in diverse università come coordinatore, tutor, curatore di mostre: IUAV di Venezia, il Centro Italiano di Architettura di Milano, Università La Sapienza di Roma, e Elisava ETSAB di Barcellona, Siviglia e ETSAS. Ha lavorato in vari studi di architettura, tra cui il CZA Cino Zucchi Architetti di Milano, EMBT Enric Miralles e Benedetta Tagliabue di Barcellona. Nel 2009 è  responsabile per il seminario "caminar la Ciutat" presso ETSAB con la Facoltà di Architettura Valle Giulia di Roma e l'Università Tecnica di Lisbona. Tutor di vari progetti con Flores e Prats Architetti, Barcellona, Bak Architetti KLM e Architetti di Buenos Aires, IUAV di Venezia, e Gabriele e Esther Architetti Bascones Mayoral in ETSAS.

Ha partecipato a numerosi concorsi di architettura e fotografia, ricevendo premi e riconoscimenti tra cui: 2003 "La provincia di Milano e il Suo territorio", Milano, citato progetto; 2006 "Urban" progetto menzionato; 2006 "Piazza San Marco, Piazza San Parco ", Venezia, primo premio e la pubblicazione, 2006" Premio Ugo Betti, "Roma, primo premio, 2010" Memoria y Paisaje ", Buenos Aires, progetto menzionato. Ha partecipato a numerose mostre collettive, principalmente in Italia e Spagna. Nel 2010 ha organizzato una mostra personale "Frammenti di Città" nella "Galleria dell'Artistico", Treviso, Italia. Nel 2011 ha curato la mostra fotografica "Architetture finlandesi", fotografie di Marc Goodwin in collaborazione con l'Università Aalto di Helsinki e nella Sala di Gino Valle in IUAV di Venezia. È stato selezionato per coordinare un seminario in materia di immigrazione europea in architettura nel sud del Brasile presso l'Università di South Caxia Dal 2011 l'ufficio è co-fondatore Bauart architettura e ingegneria con sede in Spagna e Colombia.

Vive e lavora a Barcellona.

pubblicato in data:

Città dei morti, il cimitero che si trasforma in città

Esposizione fotografica dedicata alla ricerca condotta dal giovane architetto italiano Alberto Collet in seguito ad un seminario riguardante la progettazione ecosostenibile all'interno di uno dei più antichi cimiteri musulmani.

Matosinhos (PT), 28 giugno - 25 agosto 2012

mostre e convegni