Touch the natural fibres

L'architetto paesaggista Elisabetta Sari parteciperà al 7° Festival dei Giardini Misti che si terrà in Francia, dal titolo "Jardins des 6 Sens" con il progetto "Touch the natural fibres"

Per il settimo anno consecutivo, il parco ospita a Wesserling dal 14 giugno al 4 ottobre, il Festival Internazionale dei Giardini Misti, un evento che permette di scoprire 11 giardini straordinari ed effimeri. Gli artisti (Paesaggisti, servizi locali di spazi verdi, architetti, designer, studenti ...) sono invitati ad immaginare, creare e produrre un giardino da vivere su un determinato tema.

La forza dei giardini misti si basa su 3 elementi fondamentali:

ogni anno il tema è sempre strettamente legata alla storia del sito di Wesserling.

La specificità della mescolanza dei giardini di Wesserling risiede nella miscela di fiori e frutta e verdura per ogni concetto. 

I Designer propongono dei "giardini da vivere", dei "giardini abitabili" e non semplicemente dei giardini da contemplare (o giardini "cartolina").

Il progetto Touch the natural fibres di Elisabetta Sari si ispira alle fibre naturali interessate nel settore tessile e, in particolare, utilizzate per vivaismo. Il giardino è stato creato per dare una nuova destinazione alle fibre naturali in giardino.

Nel giardino all'inglese del parco di Wesserling, può essere sperimentato il "tocco" delle fibre naturali. Esse possono essere utilizzate come percorso, come recinzione con diverse corde naturali, come vaso, e per dormire.

Alcune piante utili per i tessuti come Agave sisalana, Phormium spp., Linum spp., o Genista Spartium junceum tinctoria, Urtica dioica sono in mostra e possono essere toccate! In questo modo verrà creato uno spazio di giardino molto rilassante, dove le famiglie potranno scoprire il tempo per giocare con le fibre naturali ricavate dalle piante o dormire su tessuti come l'amaca.

L'amaca è un tessuto di imbracatura utilizzato per dormire o di riposo, che è sospeso dal terreno. Essa normalmente si compone di uno o più tessuti di stoffa, o di un tessuto di rete di spago o di corda sottile tesa tra le corde con due punti fermi come alberi o pali. Amache sono stati sviluppate da abitanti nativi delle regioni tropicali per dormire. Successivamente, sono state utilizzate a bordo delle navi da velisti per massimizzare lo spazio disponibile, e da esploratori o da soldati in viaggio in luoghi come la giungla.

Oggi sono popolari nel mondo per rilassarsi. Le amache sono in una varietà di colori, modelli e dimensioni che vanno da un persona, a due o tre persone. Le amache sono popolari tra i Leave-No-Trace, i campeggiatori Ultra Light, escursionisti, e appassionati della vela per il loro ridotto impatto ambientale, la loro leggerezza e la loro assenza di volume rispetto alla maggior parte delle tende.

architetto paesaggista Elisabetta Sari
Via Villa d'Arco, 82 33084 - Cordenons (PN) ITALY

Parc de Wesserling – Écomusée Textile
- www.parc-wesserling.fr

Touch the natural fibres

pubblicato in data: