SCENOGRAFIA:qualhe consiglio...

messaggio inserito domenica 4 luglio 2010 da scenograf

scenograf : [post n° 236358]

SCENOGRAFIA:qualhe consiglio...

ciao a tutti!
sono un neooarchitetto e 2 giorni fa mi hanno proposto di fare una scenografia per delle manfestazioni medioevali, che possa essere utilizzato ed adattato in tutti i luoghi in cui vanno...
premetto che non ho mai fatto un corso di scenografia.
Quello che mi e stato detto e ricreare un'ambientazione con dei pannelli e/o teloni sui quli verranno proiettate delle immagini durante la recita...per cui vi chiedo:
1)secodno voi e fattibile per uno che non ha mai fatto scenografia?
2)ci sono dei siti internet,libri o altro che spiegano le tecniche basilari (non ho trovato molto...mi hanno chiesto di fare dei tagli di luce particolari)
3) ci sono dei software per realizzare la scenografia o posso utilizzare quelli che usiamo normalmente per l'architetrura?
4)mi hanno chiesto il costo della scenografia e quanto mi prendo per progettare il tutto...secondo voi, quanto dovrei chiedere? vado a percentuale? o chiedo un totale?

pensavo di realizzare delle strutture molto semplici e modulari in modo da poterle facilmente smontare e riallestire ogni volta che hanno una recita in posti diversi...per cui, una struttura che si adatta a seconda dei luoghi...
quindi, magari posso fare diversi schemi planimetrici...
per cui,quanto quantifico il tutto?

grazie a tutti!!
fsdf :
MA NESSUNO SA RISPONDERMI?!?
marco :
Ciao, credo che l'occasione sia da cogliere senza troppi ragionamenti.
Sei un architetto e questo ti rende adatto a occuparti di spazio a prescindere dallo specifico disciplinare (che tra l'altro non esiste più).
Quello che posso consigliarti è di evitare di farti una approssimata, frettolosa e sommaria conoscenza attraverso siti o libri: è la tua prima esperienza in un campo aperto, in cui non c'è "il modo giusto" di fare le cose.
Gli strumenti sono strumenti: fai maquettes, disegna piante, prospetti, prospettive, rendering, fotomontaggi con quello che vuoi e che conosci meglio. Basta che produci il materiale necessario allo scopo.
Il costo, come in architettura, non è standardizzato (non penserai che le tabelle ministeriali sono la prassi nella professione di architetto!). Dipende dal rapporto che hai col committente, da come ti auto-valuti, da quanti soldi ci sono a disposizione, dall'effettivo lavoro svolto (progetto, rapporti con fornitori, segui gli artigiani...).
Scusa per la vaghezza delle risposte (ma le domande erano anche più vaghe). Buon lavoro.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.