cancellazione dall'ordine

messaggio inserito sabato 6 novembre 2010 da luca

[post n° 246552]

cancellazione dall'ordine

Come ho piu' volte scritto, lavoro part time, non firmo documentazione tecnica da secoli, vivo con 600 euro, e sono moooooolto pochi ma nonostante la mia volontà altro non riesco a guadagnare (lavoro part time). Con questa premessa vi chiedo se è folle da parte mia cancellarmi dall'ordine per risparmiare circa 200euro il prox anno, io sono tutti i mesi a contare i centesimi, e non credo abbia senso pagare per avere il timbro nel cassetto inutilizzato.
P.S, avevo chiesto al mio ordine se si potesse pagare a rate, ma mi hanno detto no, che ne pensate?
:
Luca, scusami ma se sei iscritto all'ordine avrai anche partita iva e inarcassa, penso. Se si, allora avere il timbro ti potrebbe servire qualora ti capitasse di fare una pratica anche stupida in sè (per arrotondare quello che già prendi penso in uno studio) tipo accatastamento o sanatoria di qualche cretinata. Per carità nn farai i miliardi con cose di questo tipo ma se lavori part-time un po' di tempo per cose del genere dovresti averlo, no? E per un accatastamento sono minimo 400 euri...Io ho partita iva con regime dei minimi con codice attività architetto quindi il timbro mi serve per forza anche se timbro molto poco...particamente zero. D'altra parte personalmente se nn ho la partita iva nessuno mi prende a lavorare. Non voglio cambiare codice attività tipo disegnatore per risparmiare di iscrizione all'ordine perchè nn ha senso in quanto inps costa di più e se mi capitasse lavoro da firmare mi mangerei le mani perchè nn potrei farlo perchè nel frattempo mi sono tolta dall'ordine....Nn so se mi sono spiegata. Ma forse nn ho capito bene e hai un contratto?
:
Non è necessario avere partita iva e pagare l'inarcassa se sei iscritto all'ordine, si può lavorare con le prestazioni occasionali.
Sarebbe un peccato per 200 euro all'anno perdere l'occasione di fare qualche lavoretto in proprio...però capisco che 200 euro non sono pochi in questo periodo di crisi....
:
Il problema è che ho un contratto, di lavoretti non ne capitano da una vita, anche se il tempo per farli ci sarebbe. gia mesi fa ho chiuso la partita iva (che poi on line si apre in 5 minuti), e inarcassa non la pago da una vita proprio perché sono dipendente. Forse non sono così dinamico come viene richiesto dalla società attuale, o forse sono realista e mi rendo conto che un accatastamento o una sanatoria non arriveranno mai.
:
Il problema sarebbe la cassa, ma se già paghi solo inps, e hai chiuso la partita iva, allora cancellati anche dall'ordine. Tanto se ti capita qualcosa da fare, a riaprire tutto non ci si dovrebbe mettere molto. Non conosco però i costi della reiscrizione.
:
x pink:
a me veramente è stato detto all'epoca dell'iscrizione all'ordine che le prestazioni occasionali nn erano compatibili con l'iscrizione. Ma vedo che ognuno dei frequentanti questa bacheca ha una visione diversa della cosa quindi a questo punto veramente nn so. Il fatto è che ho amici iscritti aglioprdini di mezzo veneto e a tutti è stata detta la stessa cosa.....
:
pink, non si possono fare prestazioni occasionali essendo iscritti a un albo se il lavoro a cui essere sono riferite è lavoro legato all'ordine, non so se mi spiego.
se come architetto tu vuoi firmare qualcosa devi necessariamente avere p.iva; se pur essendo architetto tu fai, che ne so, la tata o la giardiniera, allora puoi fare prestazione occasionale
:
Ho parlato con vari commercialisti e tutti mi dicono che posso fare l'architetto conla prestazione occasionale, purchè ci sia l'occasionalità, nel senso che non posso farne una ogni tanto, no una al mese per esempio....
Ma a questo punto non so più....i miei amici fanno tutti così...
:
Io sono della stessa teoria di Fra. Se si potesse tirare fuori la scusa della "occasionalità" ci sarebbero quattro gatti con p.iva e iscritti a inarcassa e tutti farebbero ritenuta d'acconto.....quindi c'è qualcosa che nn va nel discorso di Pink. A me hanno ripetuto più e più volte al mio ordine e pure la mia commercialista che con l'iscrizione ad un albo professionale avrei finito con ritenute d'acconto e contratti a progetto. Partita iva o contratto di quelli seri in uno studio o in una azienda. Se poi voglio fare nel fine settimana l'aiuto in un negozio possono farmi la ritenuta d'acconto perchè quello sì che ha carattere occasionale e nn c'entra nulla con il mio ordine. Se nn ci fosse bisogno di partita iva e inarcassa allora la nostra collega xxyssy nn avrebbe tutti i casini di cui al post 01/11/2010 [post n° 246096]
perchè + occasionale di una fattura in un anno nn so cosa ci possa essere!!!
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.