Vergogna

messaggio inserito mercoledì 16 maggio 2012 da paolo

paolo : [post n° 290418]

Vergogna

Perchè certa gente non si vergogna ad inserire annunci di offerta di lavoro come questo (la vergogna ovviamente è riferita alle condizioni di lavoro offerte, non ai requisiti richiesti...)?

www.professionearchitetto.it/lavoro/offerte/Piemonte/09694/STUDIO-ar…


Qui non c'è la deontologia professionale????
Edoardo :
Il problema è che qualcuno può accettare... ...tranquillamente con quei requisiti. E pensare che "altri" con gli stessi requisiti possono permettersi di aprire uno studio e fare addirittura concorsi. Anzi, forse neppure con quei requisiti. Questo è il mercato, questa è la jungla... ...e nella jungla vincono i più forti, finchè qualcuno più forte ancora non imporrà regole. Se il mercato, invece, è l'unica regola... questo è ciò che offre e l'unica regola è la legge domanda-offerta.
Se io, forte della mia posizione e dei miei clienti, volessi usare una persona... vedendo annunci simili... la assumereri? Magari a 1200 euro al mese netti per 14 mensilità? Certo che no.
O magari sì, se volessi investire su quella persona nel tempo ritenendola veramente capace ed importante per la mia attività... ma questo appartiene ad un altro ecosisitema basato su altre regole, o meglio: valori.
arch :
Beh vi assicuro che c'è di peggio...tipo il colloquio fatto un mese fa dove offrivano 150 euro al mese. Io vorrei sapere se c'è il modo per segnalarli all'ordine, questa non è svalutazione della professione? io SAREI un architetto iscritto all'albo, e non è possibile che venga pagata meno di quanto spendi per matite al mese!
trilly :
no tu DEVI segnalarlo all'ordine, magari con una mail inviata a tutti i consiglieri.
non ti risolverà la situazione, ma fidati che lo studio in questione fa una pessima figura e la voce si sparge...
biba :
Stavo pensando che questo annuncio che hai segnalato è davvero vergognoso, poi ho letto la risposta di arch e mi sono sentita male: scusa 150 euro?? per 8 ore giornaliere?? Io non ho parole. Questa gente deve vergognarsi e poi deve anche essere messa in piazza con nomi e cognomi. Stiamo davvero esagerando.
hb :
ma la redazione di p.a., ...una volta letto il messaggio, non ha avuto qualche...remora?
MRBLUE :
..allora le richieste sono: laurea magistrale con pieni voti, lingua inglese, conoscenza 2d 3d e interior design...retribuzione meno di mille euro che volendo potrebbero anche essere 1 euro dato che non specifica quanto meno di 1000!..al paese mio si dice 'ma una fetta di culo vicino all'osso no??'..allucinante veramente..e ho dimenticato una cosa è richiesta la partita iva!!!...ovviamentei questi 7/800 euri, a essere ottimisti, li vogliono anche fatturati così si scaricano pure le tasse...così è facile aprirsi uno studio col sudore degli altri...
arch :
"eh beh ma cara mia è colpa tua che ti sei laureata in questo periodo...che vuoi la crisi economica...stiamo lavorando proprio poco...hai SCELTO l'hanno sbagliato per laurearti"...tra un pò mi diranno che ho scelto l'anno sbagliato in cui nascere!
comunque vi voglio rincuorare, i 150 euro al mese erano per un part time che all'occorrenza poteva diventare full...e giusto per farvi due risate...il full time ti veniva richiesta dalla sera alla mattina, magari anche solo per una settimana o qualche giorno. Cioè una mattina l'architetto veviva e ti diceva "non è che potresti farti domani e dopodomani full time?" O.o
e poi i 150 euro erano per il primo mese, poi il secondo e il terzo sarebbero diventati 200 e dopo 3 mesi....all'apice della tua carriera...quando pensi di essere arrivata...prendi 250 euro!!!

IL TUTTO A PARTITA IVA NATURALMENTE!!!

eh ma del resto è colpa mia...dovevo pensarci prima di nascere nell'85!!

vi giuro che seduta a quel tavolo mi veniva da ridere!
e mi è venuto da ridere anche quando ho dovuto pagare il secondo anno di iscrizione all'ordine!utile come il costume da bagno a natale!
Edoardo :
Bisogna pur far ripartire la "Crescita" "The Growth" e allora che aspettate? Crescete! Non è stimolante questo? Pensate a quante cose meravigliose potreste imparare lavorando per 150 euro al mese, poi... ...COI SOLDI MESSI DA PARTE vi aprite uno studio, con QUELLI CHE VI RESTANO lavorate per anni senza essere pagati ma pagando i costi e poi, forse...
La realtà di un paese morto è che senza essere già inseriti od avere i soldi per partire (soldoni di famiglia) è pressochè impossibile emanciparsi lavorando, inserirsi col merito, perchè per chi deve lavorare, ovvero non è GIA' classe dirigente con alte possibilità economiche, vengono a mancare le condizioni di sostenibilità già da subito e questi annunci "normali" ne sono la dimostrazione. Io non sono mai stato così radicale ed estremista in vita mia, ma lavorando e constatando determinate situazioni sono cambiato profondamente. La crescita del Paese deve poter passare attraverso la creazione di opportunità per i giovani, attraverso regole e leggi che promuovano la sana concorrenza e la meritocrazia... anche se scrivere ciò significa "generalizzare". Questo "stanco paese" forse è tale proprio perchè ci abituiamo ad accettare tutto, dalla Mafia nella politica e negli appalti fino alle lobby clientelari od ai vari Trota & burlesque sorridenti (a 32 denti).
barbara :
anche a me poco tempo fa, rispondendo a un annuncio per uno stage o tirocinio, durante il colloquio dissero che come budget per il rimborso spese avevano solo 100 euro al mese.. part time di 6 ore al giorno .. ed il bello è che si trattava di ragazzi sulla trentina, passati anche loro sotto il giogo della finta partita iva e del lavoro sottopagato!
Quando ho voluto indagare su come quei 100 euro venissero corrisposti (stage, tirocinio, ritenuta d'acconto o altro) cascarono un po' dalle nuvole. dicendo beh ancora non ci abbiamo pensato".. mah!

Ho poi scoperto che di tirocinanti ne hanno presi addirittura due.

Ma la chicca è stata che mi dissero che altri candidati sarebbero andati a lavorare per loro anche gratuitamente.. ovviamente loro per onestà non potevano certo "approfittarne" e avevano optato per questo rimborso spese..
biba :
Proporrei di mandare il link a questa discussione all'email che si trova in fondo all' "offerta di lavoro", se così si può chiamare. Probabilmente non otterremo niente, ma almeno che si rendano conto che non siamo tutti lì a pendere dalle loro labbra! E che ci rendiamo conto benissimo di essere presi per il culo! E che ne abbiamo abbastanza!!
archandrew :
Evviva il libero mercato! Se pensate il compenso sia troppo basso potete rifiutare o andare voi a cercare clienti.
arch :
beh sicuramente puoi sempre rifiutare, ma non mi sembra corretto approfittare di un disperato per sfruttare del lavoro gratuitamente. Se uno studio è in cerca di collaboratori vuol dire che ha del lavoro da fargli fare, e non credo che questo venga fatto per volontariato. Quindi si tratta solo di sfruttare il lavoro di un poveraccio mentre tu prenderai il guadagno netto e pulito. Nessuno mette in dubbio che essendo giovani ci guadagni in esperienza ma ogni volta che provo ad andare a pagare le bollette con l'esperienza mi mandano sempre indietro.
Sarà che noi giovani laureati abbiamo il vizio di mangiare almeno due volte al giorno e di pagare l'affitto.
meg :
...penso che chi è d'accordo con questo tipo di annunci potrebbe provare a mettersi nei panni di chi si trova temporaneamente ad accettare queste vergognose offerte, perchè gli annunci sono tutti così ormai, e scoprire come si vive con "esperienza" (che non tutti offrono) e qualche spicciolo in tasca...o come NON si vive !!! Sarei curiosa di sentire il loro pensiero dopo questo esperimento.

x arch: purtroppo i giovani laureati hanno spesso anche altri "vizi"...l'onestà, cioè pagare le tasse, contributi, iscrizione all'ordine su quella miseria che guadagnano...e mi sembra già più che sufficiente per far diventare gli spiccioli che prendono un debito verso qualcuno!
arch :
eh si siamo proprio viziosi!
hb :
il mercato è libero, ma non vuol dire che non abbia regole. Il prezzo proposto dall'esercente, in questo, caso, non è da mercato.
archandrew :
Semplicemente siamo troppi architetti rispetto ai lavori disponibili. Molti di noi devono avere il coraggio di cambiare mestiere. Inutile lamentarsi, nessuno studio pagherà molto se troverà cosi tanta forza lavoro.
hb :
semplicemente, non è vero. Mancano i soldi per fare i lavori, non le occasioni di intervento. Inutile inventarsi la favoletta del «siamo in troppi» per giustificare proposte ingiustificabili.
andrea :
in italia c'e' un terzo di tutti gli architetti europei, se poi per te questa e' una favoletta fa come vuoi
Edoardo :
Molti mediocri, soprattutto se depauperati della loro forza lavoro, trovandosi in un sistema concorrenziale ed aperto cambierebbero mestiere davvero anche se "avviati". Il lavoro sarebbe lo stesso, ma distribuito diversamente.
P.S. Questa non è una favoletta.
smarch :
se si parla di Europa, deve essere chiaro che si parla di collaborazione alla pari tra professionisti e non tanto di dipendenza (o schiavismo). il fattore di rischio devono pagarlo tutti, perchè se si è scelta la libera professione essendo iscritti all'albo è impensabile illudersi che per oltre 40 anni qualcun'altro ci garantisca il pagamento dei nostri contributi! e poi 1000 euro, ma anche 1200 euro con partita iva, al netto, non sono nulla.
Edoardo :
Essere iscritti all'Albo non significa esercitare in proprio.
Esistono dipendenti (ad es. Regione) tranquillamente abilitati e paganti la quota di iscrizione.
Figurano come "dipendenti".
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.