DOVE trovare i clienti...

messaggio inserito mercoledì 7 novembre 2012 da ELA

ELA : [post n° 302858]

DOVE trovare i clienti...

ciao! sono un NEO NEO NEO ARCH.. al momento collaboro con uno studio quindi non devo preoccuparmi di trovare nuovi lavori... ma prima o poi (spero) dovrò prendere la mia strada...
la mia curiosità è....
voi, COME LI TROVATE/AVETE TROVATO/PENSATE di trovare nuovi clienti/progetti..???????
posto che credo, magari sbagliando, che le persone non cercano "architetto" su google... sarei curiosa di sentire le vostre esperienze...
stando al mio studio pare che (quasi) tutti i clienti siano stati amici/conoscenti o comunque che siano arrivati con il passaparola..e che quindi nella professione, oltre ad essere ovviamente bravi, è importante anche creare una "rete" di "amicizie" molto ampia....
sarei curiosa di capire se questo discorso è valido per tutti o se magari avete altre esperienza (google, concorsi, pubblicità, blog, siti, portofolio online...ecc...)

grazie!!!
Kia :
da quello che ho visto negli studi per cui sono passata (che sono solo due) conta moltissimo il passaparola dei clienti soddisfatti.
Una cosa curiosa che capita nello studio dove sono ora è il passaparola all'interno di alcune famiglie: inizia uno a farsi sistemare la casa e l'anno successivo si rivolge allo studio anche la zia che ha bisogno di fare alcuni lavori e così via. Oppure i lavori arrivano anche dalle imprese con cui si lavora più di frequente. E' successo infatti che alcuni clienti si fossero rivolti prima all'impresa, perchè magari conoscevano il titolare, e poi solo dopo allo studio su consiglio dell'impresa stessa.
ponteggiroma :
concordo con kia, passaparola e tanto tempo, non a caso i prof che lavorano di più sono quelli anziani...
d.n.a. :
quoto il messaggio di Kia, anche gli studi in cui ho lavorato io, giusto un paio, giravano con amicizia, passaparola, e consigli di ex clienti. iniziare è duro, era duro in passato, e lo è a tutt'oggi, perchè la concorrenza è molta, le competenze spesso coincidono con quelle di altre figure tecniche, la crisi c'è e si sente, e quindi il lavoro è poco. l'importante è che se ci si accontenta di un libero lavoro, è avere una struttura il più possibile leggera e "flessibile", che abbia poche spese fisse.
ELA :
grazie per le risposte! infine mi pare di capire che le nostre esperienze siano tutte simili! bisogna quindi investire molto nel passaparola, nella rete di amici, fidelizzare con l'impresa/agenzia immobiliare/amministrazione stabili ecc...
piuttosto che magari investire in pubblicità o altri mezzi che potrebbero dar visibilità... o meglio la danno in altri settori ma non nel nostro!
Edoardo :
Da sola servizi di architettura completti è difficile che li riesca a fornire, e la volatilità clientelare ed i ribassi portano i tuoi geometri ed ingegneri (che contatteresti, di cui ti dovresti fidare) a farti concorrenza subito ed a chiedere cifre insostenibili per te (van da loro direttamente). Per questo bisogna avere clienti di fiducia e poter blindare gli incarichi... ...il che significa avere posizioni di privilegio e/o amici che ti fanno lavorare. O parenti paganti. Questo se vuoi fare architettura in un contesto non concorsuale (Italia). Se vuoi fare concorsi, magari all'estero, devi avere tanti soldi ed amici colleghi fidati (oltre che capacità molto buone e fortuna). Buona fortuna.
ELA :
posto che "purtroppo" non ho una famiglia così numerosa... e che tra la cerchia di amici non sono/sarò nei prossimi anni di certo l'unico architetto che conoscono (cosa che magari forse poteva succedere in passato)... mi pare si prospettano anni duri...
comunque.. infine veniamo al discorso che ho letto sia su questo forum, sia che ho affrontato in studio, che le pubbliche relazioni sono molto importanti ed in particolare non è una brutta idea cercare, negli anni, di entrar a far parte di circoli/associazioni/fondazioni/club ecc ecc... e cercare di conoscere persone con "posizioni di privilegio" nella società....
giusto?

(ovviamente l'essere onesti, seri e bravi rimane comunque una clausola fondamentale)
Edoardo :
Stiamo diventando un paese con diseguaglianze tali che purtroppo aberrazioni così forti saranno sempre più la norma.
Dotting :
Purtroppo il modo migliore per guadagnare mercato è tenere prezzi competitivi, nella mia zona il mercato premia i ribassi e non la competenza.
Essendo giovane credo che tu possa rimanere competitiva senza ridurre troppo la qualità, un vantaggio mica da ridere.

Infine io ho guadagnato qualche buon cliente svolgendo consulenze tecniche, uno dei miei migliori clienti l'ho conosciuto proprio facendo il BIP al loro ctp in un accertamento tecnico preventivo.
desnip :
cos'è il bip?
Dotting :
BIP: Volg. - Parte del corpo costituita dalle natiche
Tia :
Io lavoro in proprio da quasi tre anno ed ho uno studio ben visibile in centro. Confermo tutto, solo passaparola. Fatta pubblicità, internet e compagnia cantante, non serve a niente. I clienti arrivano da soli e meglio lavori, più ne arrivano. Il più è trovare un primo lavoretto per partire grazie al quale l'impresa che te lo realizza parla bene di te ai clienti e così via...
Edoardo :
Costo?
d.n.a. :
una curiosità OT x Dotting, sei lo stesso Dotting che segue sul forum Cerca Energia (non voglio fare pubblicità ad altri siti, scusate), dando spiegazioni di altissimo livello e competenza?
arko :
"tutti i clienti siano stati amici/conoscenti o comunque che siano arrivati con il passaparola..e che quindi nella professione, oltre ad essere ovviamente bravi, è importante anche creare una "rete" di "amicizie" molto ampia.... "

ti sei risposto da solo
poi vabbè...c'è il tribunale..lì se non porti i biglietti...
ELA :
....certo che questa cosa mi spaventa però!!! un conto è il discorso che fa TIA, cioè che magari è dura iniziare ma poi, se sei bravo, i clienti vengono da sè... un conto è contare solo sulla rete di amicizie...ad adesso non ritengo di avere una rete così ampia da permettermi di campare... e poi i tempi sono cambiati! 20 anni fa c'erano molti meno professionisti ecc... quindi in una "rete" potevi essere l'unico arch/dentista/altro professionista...ora nella mia "rete" credo siamo almeno già 4-5 arch, un paio di ing e un paio di geometri........
e poi dipende pure dalle disponibilità economiche e dalle posizioni sociali della tua rete... per piccole pratiche per la veranda o per il bagno nuovo ci sarà sempre qualche zia/cugino/amico... ma quanti amici o parenti possono ora come ora pensare di costruirsi la casa...???!!!
desnip :
Dotting..... come mi vergognooooooo!!! Che scema che sono....:-D
A mio discolpa posso addurre solo che era venerdì ed ero stanca e particolarmente stressata, ma avevo preso il bip per una sigla tipo ctp, ctu...
Che figura di BIP!!!
Dotting :
ahahaha, ma sì, non ti preoccupare, anche perché di solito sono io a non capire… visto che siamo in tema di OT, com’è finita la tua questione con le certificazioni degli impianti per il tuo cliente?
D.n.a, uso questo nick da molto tempo e su molti forum sopratutto su tematiche energetiche, ne uso un altro solo su ingegneri.info, grazie per il complimento :)
desnip :
Per l'impianto mi sono rivolta ad un ingegnere che ha redatto certificato di rispondenza dell'impianto, dopo opportuno sopralluogo. Del resto l'impianto è stato realizzato a fine 2007 ed è effettivamente a norma.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.