Libeskind Como

messaggio inserito mercoledì 24 settembre 2014 da Tia

Tia : [post n° 348219]

Libeskind Como

E dopo le questioni economiche, parliamo un po' di Architettura e pareri sul modo di "fare architettura"...scatenatevi! http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/14_settembre_23/svelato-pr…
Edoardo :
Io su Como ero rimasto a Terragni, mi sono perso qualcosa?
ponteggiroma :
be si... nel frattempo abbiamo perso una guerra, abbiamo votato un referendum e scelto per la repubblica... (adesso saremmo alla seconda, ancora in attesa della terza), stiamo attraversando un periodo di crisi senza precedenti, qualcuno se n'è andato e qualcun'altro no (purtroppo), insomma qualcosetta è cambiata dall'epoca del benemerito
Edoardo :
Che ce voi fà pontè... ...per me dopo i "Moderni", quelli veri, non c'è stato niente di importante... ...nemmeno i bananoni vetrati con millemila brise soleil o gli stomaci d'acciaio ....o i capannoni in c.a. vestiti da bacherozzi di piombo. Tu hai citato la Seconda Guerra Mondiale.. ecco, secondo me nel Dopoguerra nè l'International Style, nè il Postmodern, nè il Minimalismo, nè il Decostruttivismo hanno rappresentato culturalmente qualcosa di veramente rilevante, se paragonato agli anni 20-30, compreso il Bauhaus e il De Stijl olandese. Adesso? Negli Anni del Nulla (Isis docet)? Conta, è di grido, solo lo stupire, l'effetto speciale. Il problema è che ora esiste solo "il grido", il resto è silenzio assoluto.
ponteggiroma :
mai stato più d'accordo... mo me devo preoccupà?
Edoardo :
Toh, và.. quarda (o ascolta) questo grido qua:

www.repubblica.it/salute/2014/09/25/foto/l_ospedale_del_futuro_una_b…
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.