Fuga di "cervelli" , ma il corpo rimane

messaggio inserito mercoledì 1 novembre 2017 da sebastiano

sebastiano : [post n° 402560]

Fuga di "cervelli" , ma il corpo rimane

Leggete che cosa mi è capitato nella giungla delle progettazioni.
Un noto chirurgo italo americano trasferitosi negli stati uniti per motivi di lavoro (il tipico esempio di cervello in fuga dall'italia) mi incarica di redigere un progetto per una residenza estiva in italia, non appena avrebbe trovato il terreno dove costruire la sua abitazione. Dopo vari incontri con me in Sicilia per decidere le linee e l'idea progettuale, riparte con la moglie per gli Stati Uniti
Dopo qualche giorno ricevo una sua e mail dove rimango davvero “senza parole”

Il 15 agosto 2017 alle 16.41 Alfonso (il chirurgo) ha scritto:
Carissimo Sebastiano
Siamo tornati a New York e nella routine delle cose
mia moglie ed io abbiamo deciso di costruire in campagna alla Gurra di mare dove abbiamo un po' di terra
Per realizzare questo progetto devo affidarmi ai miei amici che vivono a Me.......(luogo dove ha trovato il terreno e dove è originario), noi non avremo la possibilità di venire con continuità.
Per fortuna Alessandro che è mio compare e padrino di mia figlia ha accettato la procura
Ho parlato anche con il SINDACO che è un amico
Credo che ci siano delle realtà a Me........(luogo dove ha trovato il terreno e dove è originario) che non possono essere ignorate e siccome io sono molto realista devo affidarmi alle persone che queste realtà le vivono tutti i giorni
Perciò e per questo specifico progetto ho deciso di affidarmi all' architetto che lavora strettamente con il
COMUNE di M....... La scelta è pratica e non ha nulla a che fare con le sintonie che si sono create tra noi
Ho sentito il bisogno di informarti perché in altra situazione mi sarei completamente affidato alla tua competenza
Un caro saluto
Alfonso (il chirurgo)

From: s.......@libero.it
Sent: Thursday, August 17, 2017 2:34:19 AM
To: …......., Alfonso
Subject: {EXTERNAL} Re: Alfonso
Carissimo Alfonso,la tua mail mi ha lasciato senza parole, le motivazioni che tu adduci, nel sollevarmi dall'incarico, mi sembrano assolutamente fuori luogo .
Io sono un professionista serio ed affermato e , se non bastasse un Me........(cittadino del luogo dove ha trovato il terreno per costruire) e per questo, questi giochetti non li apprezzo affatto.
Nel lavoro conta la professionalità , la serietà , la competenza COME TU BEN DOVRESTI SAPERE.
I lavori che ho svolto fino a questo momento si sono realizzati in tutta la Sicilia (Palermo, Pantelleria, Messina,
Favignana, Agrigento, Menfi, Catania, Trapani) ed in buon accordo con le Amministrazioni, compresa quella di M.........( del luogo dove ha trovato il terreno per costruire) e per questo, questi giochetti non li apprezzo affatto.
Se qualcuno ti ha male informato mi dispiace ,ma ancora di piu' mi rincresce la tua azione.
un caro saluto Sebastiano


caro Sebastiano,
mi spiace aver creato questa reazione.
le tue capacita' professionali non sono mai state in questione e non sono una variabile nella mia
decisone. nessuno a M........., tranne Anna sa che noi abbiamo parlato con te e nessun commento e' giunto a me se anche fosse io non decido in base ai commenti altrui.
Tutto cio' che avra' a che fare con il progetto verra' seguito da Alessandro , Alessandro e' amico dell'architetto Giuseppe S. (architetto incaricato della progettazione) io sono amico del Sindaco del tuo paese che a sua volta ha un ottimo rapporto con mio compare Alessandro e che a sua volta ha un ottimo rapporto con l'architetto Giuseppe S. (architetto che dovrà fare la progettazione) e Alessandro mio compare.
in pratica io vivo a New York e non a M.........(luogo ove si dovrà presentare il progetto) e voglio che tutto vada liscio. ergo ho deciso da persona pratica che un asse Alessandro ( mio compare) Arch.Giuseppe S. (architetto incaricato della progettazione)- Comune - Sindaco e' cio' che mi serve per stare tranquillo.
Nulla a che fare con le tue capacita' e con la simpatia personale, che rimane.
Alfonso (il chirurgo)
Leonardo :
La tua risposta è da Oscar.
In ogni caso, questo è veleno per l'Italia... il problema dell'Italia sono gli italiani. Il problema degli italiani è che molti arrendevoli fuggono all'estero, lasciando questo paese senza soldi e senza idee e facendo in modo che a governare i vari paesucci e città siano CAPRE nel senso Sgarbiano del termine. La vera vergogna è che lo Stato centrale consente tutto ciò, non agevolando per nulla chi si da da fare per migliorare la situazione e chi è pienamente onesto nelle sue attività.
Come diciamo a Napoli, "u pesce feta da' capa"... Il pesce puzza a partire dalla testa... purtroppo è così, è troppo svalutato il potere che ha la politica in ogni piccola, singola azione.
Massima stima per te, fossi in te non aggiungerei alcun altro commento all'amico, cui auguro, senza cattiveria, che venga spennato di soldi dall'amministrazione locale
sebastiano :
ciao, Leonardo, non avevo dubbi, hai capito perfettamente il problema dove sta. Ma la questione centrale , di cui ho omesso nel racconto (ed è sottointeso) è che l'architetto incaricato dal chirurgo, ha l'incarico da parte dell'amministrazione comunale di redigere la variante al PRG , ovvero ( ...penso che ci siano delle realta che a M....che non possono essere ignorate e siccome io sono molto realista devo affidarmi alle persone che queste realtà le vivono tutti i giorni...) Quindi, oltre all'incarico, questi " ladri di galline" rubano tutto quello che sta a contorno con la motivazione illusoria che l'architetto incaricato alla variante al PRG è un "deux ex machina" colui che potrà risolvere di una situazione difficile, o l'artefice del buon andamento del progetto e della realizzazione dell'opera. Ciao
Ily :
Che esistessero gli intrallazzi si sapeva, ma spiattellato così fa impressione. Comunque ti prego Sebastiano, stai attento prima di pubblicare simili cose perché se Alfonso (il chirurgo) lo scopre è capace di querelarti per diffamazione e violazione della privacy.
In bocca al lupo!
Leonardo :
Io penso che Alfonso, il chirurgo, in questa questione ha tutto da perdere se legge. Non mi preoccuperei affatto...
Quanto a quello che hai aggiunto, Sebastiano, nessuna novità... i ladri di galline tentano proprio di spaventare per accalappiarsi tutti i lavori, in barba al loro stipendio che già percepiscono come tecnici comunali.
Ti auguro il meglio
ArchiFra :
leonardo un appunto, visto che al riguardo c'è tanta ignroanza: un etcnico del comune può esercitare la libera professione solo se il suo monte ore è inferiore a 22 ore (cioè uno stipendio di circa 600-700 euro) e col placet della giunta. se uno viene "incaricato" di fare il pgt vuol dire che è un consulente esterno che caccerà fuori la sua parcella, non un tecnico interno: in questo ultimo caso non si può venire pagati ma al massimo si ottiene una percentuale un poco maggiore della quota produttività annuale destinata al settore.
Leonardo :
Grazie, non sapevo
Gian :
Succede anche nel mio paese, con la differenza che il "deux ex machina" è un geometra...
Mi è capitato a Capena anche a me, certo, a te è andata peggio, perchè lo step era successivo ma il risultato è sempre lo stesso, ci resti male, non ti senti considerato da una committenza sempre più ignorante e cafona!
Noi italiani meritano ciò che siamo diventati oggi, lo zimbello della UE e, noi come Ordine, facciamo acqua da tutte le parti ed evito di scrivere qui ciò che accade pedissequamente tra noi colleghi...Sarebbe deleterio!
kia :
Peccato per il lavoro perso....cmque va così anche a nord. Nella mia città c'è il mito del geom. Pincopallino che risolveva tutto a suon di 50 euro qua e là ai tecnici comunali per farsi guardare subito le pratiche e ottenere velocemente i permessi. Fatti pagare per quanto svolto e amen.
ponteggiroma :
Ok ragazzi, ma ricordiamo che questo succede anche in altri settori.
I medici cascano proprio a fagiolo, ad esempio: se devi fare un intervento, la prima visita, da chi scegli di farla? Dal medico che lavora in ospedale e che magari poi ti mette la buona parola per saltare le liste d'attesa, o dal medico libero professionista senza agganci?
Chi non ha mai peccato scagli la prima pietra....
Non cadiamo dal pero poi quando sentiamo certe cose. Non lo sapete che nei piccoli paesi (ma anche nei grandi) ci sono tecnici che hanno le corsie preferenziali?
sebastiano :
ciao, hai ragione, mi viene da sorridere, non avevo pensato ai medici, adottano sempre questo sistema, si salvano in pochi. Ironicamente .....penso al mio ( ex mio) il chirurgo, forse negli U.S.A. è abituato a usare questi "costumi". Ha esportato il made in italy negli USA
sclerata :
va beh, poi ci sono anche i casi opposti eh.
nel mio comune ci sono X professionisti tra geometri e architetti. non tanti, fate 7 o 8.
il comune a rotazione ha sempre affidato qualcosa a qualcuno, a turno, in modo che avessero tutti la possibilità di fare un pezzo di marciapiede, sistemare due lavatoi ecc.
Mio padre è assore ai lavori pubblici e io non ho potuto essere nemmeno inserita nell'elenco dei possibili professionisti da invitare e per lavori sottosoglia, perchè sai, non si sa mai, all'opposizione pensano che sei raccomandata.



brucosta :
Secondo me Alfonso (il chirurgo) dimostra che non sempre 'sti cervelli in fuga sono "o meglio" e noi che restiamo siamo i fessi.
ponteggiroma :
maddai e poi da uno con un nome così (Alfonso) che ti potevi aspettare.
desnip :
Ponteggi, ma che ti ha fatto Alfonso? :-)))
Gian :
Alfonso è un nome da soggettone intellettuale!!!... :-)))
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.