EPl per impianti centralizzati: problema

messaggio inserito martedì 5 gennaio 2010 da mujo

mujo : [post n° 218858]

EPl per impianti centralizzati: problema

Questo è un quesito strettamente tecnico.
Da Allegato A - punto b) : "in presenza di impianti centralizzati privi di sistemi di regolazione e contabilizzazione del calore, l'indice di prestazione energetica per la certificazione dei singoli alloggi è ricavabile ripartenedo l'indice di prestazione energetica (EPli) dell'edificio nella sua interezza in base alle tabelle millesimali relative al servizio di riscaldamento".

Secondo me ci sono degli errori:

1: nella norma il legislatore parla di indice di prestazione energetica dell'edificio e tra parentesi scrive indice di prestazione energetica limite (non è un mio errore di battitura, è scritto proprio così e già questo crea confusione).

2: il punto è questo:
supponiamo di avere un edificio con 20 appartamenti tutti + o - dello stesso taglio.
A Roma (GG 1415).
S/V (di tutto l'edificio) maggiore di 0,9 ( è il caso + favorevole, perchè ho il limite + alto).
EPlim (da tabelle) è circa 90.
Se lo divido per tutti e 20 gli appartamenti (simili tra loro per semplificare) in millesimi ho: ogni appartamento ha 50 millesimi (1000/20), quindi l'EPlim di ogni singolo appartamento sarebbe 90x50/1000=4.5.
Come si fa a rispettare un EPlim di 4.5 se, per stare in classe C, l'EP deve essere di 30,9?

Lo chiedo perchè è un problema che mi è capitato quando dovevo certificare un appartamento a Roma con impianto centralizzato costituito da una caldaia che serviva ben 5 palazzine!

Aiutatemi voi.
Grazie!
SR :
Il tuo valore ottenuto lo devi confrontare con le tabelle dell'allegato 4 delle Linee Guida Nazionali.
mujo :
Giusto!!! Un errore banale sul quale stavo sbattendo la testa da un pò... grazie!!
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.