Certificazione Villetta con Piano mansarda non abitabile

messaggio inserito giovedì 29 novembre 2012 da Palma

Palma : [post n° 304385]

Certificazione Villetta con Piano mansarda non abitabile

Buongiorno a tutti,
dovrei fare una certificazione energetica a milano di una villetta ma ho dei dubbi:
- il piano terra è riscaldato
- Il piano mansarda, comunicante al piano terra con scala interna, è dichiarato non abitabile ma in realità è riscldato e utilizzato come parte dell'abitazione.

Nei calcoli devo considerare solo il piano terra o anche la mansarda????

grazie
f&f :
anche la mansarda....
Dotting :
Il certificatore certifica quello che c'è e non se la cosa è regolare o meno, se qualcuno scalda anche il garage tu lo devi calcolare ad esempio.
Palma :
f&f e dotting ... grazie davvero non sapete l'aiuto che mi avete dato !!
Sono andata in "crisi" a causa di una discussione con il titolare dello studio, dove da tempo, collaboro ed il titolare dello studio tecnico a cui si rivolge per far redigere la L10....

entrambi , quando ho detto che avrei anche certificato la mansarda, mi hanno detto che ero matta e che era come "denunciare" il cliente dell'abuso!
Quando ho risposto che è ciò che "dice la normativa" e che non è una mia responsabilità dell'abuso fatto... mi hanno guardato come se fossi la persona più idiota e incompetente sulla faccia della terra dicendomi che bisognava sentire il cliente sul da farsi!!!

e qui il dubbio ... visto che le accuse mi venivano fatte da persone con molti più anni ed esperienza di me!!!

grazie
eilein :
Personalmente verificherei il volume accatastato e procederei verificando i volumi.
In caso la mansarda dovesse risultare in esubero inserirei un solaio verso sottotetto scaldato!
E' assolutamente un parere personale/professionale.

Saluti
Arch. Elena Cadario
eilein :
Dimenticavo...
1. per accatastato intendo il volume denunciato dal cliente
2. procederei nel caso la mansarda fosse in esubero.. con il proporzionamento dei rendimenti e della potenza installata in centrale termica o della caldaia...

Saluti
Arch. Elena Cadario
Dotting :
"E' assolutamente un parere personale/professionale. "

Cara Elena, il tuo parere non è conforme alla procedura di calcolo della regione Lombardia che in merito al problema in questione è molto chiara.

E' anche concettualmente sbagliato, con il tuo "metodo" abbasseresti l'EPh dei locali riscaldati regolarmente per 2 motivi:
- il solaio non disperderebbe non essendoci salto termico tra mansarda e appartamento
- miglioreresti il rapporto di forma non considerando per l'appartamento la dispersione dovuta alle falde del tetto.

Saluti

eilein :
Caro Dotting, condivido..
ma se il cliente ti chiede un ace per una singola unità.... all'interno di un condominio per esempio.. confinante con unità riscaldate.. servite dallo stesso impianto... come ti comporti ??

Saluti
Dotting :
Ovviamente mi comporto nella maniera che hai consigliato tu, ma per una ragione semplice, il "vicino di casa" ha un altra unità abitativa, un sottotetto agibile e non abitabile ma servito dall'impianto termico non può e non deve esser considerato separato.

La prova provata sta nel rapporto di forma, un appartamento confinato avrà bassi valori e quindi, a parità di involucro prestazioni migliori, una villettina con mansarda ha obbligatoriamente un rapporto di forma nell'intorno dello 0,9; il tuo metodo lo trasformerebbe in appartamento confinato.

eilein :
E se considerassimo il sottotetto in questione come una zona e il piano dichiarato come un'altra zona, e procedessimo col calcolo su programma e con l'importazione su Cened solo della zona considerata?? non potrebbe essere una soluzione ?
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.