Ritenuta d'acconto e Regime agevolato

messaggio inserito venerdì 30 marzo 2007 da vinci

vinci : [post n° 119905]

Ritenuta d'acconto e Regime agevolato

Vi espogo il mio problema: collaboro in uno studio da qualche anno ed ho emesso delle Notule con ritenuta d'acconto per alcune collaborazioni, a febbraio ho aperto P.I.v.a. scegliendo il regime agevolato.
In seguito mi è venuto il dubbio che, avendo firmato in precedenza dei progetti come architetto, la scelta del regime agevolato non fosse corretta perchè presume che non vi sia prosecuzione di attività professionale (all'agenzia delle Entrate un operatore mi ha detto che non potevo scegliere il regime agevolato). Qualcuno di voi si è trovato nella mia situazione? Mi sapreste aiutare?

Vi ringrazio in anticipo!
lorenzo :
per la mia personale esperienza io qualche anno fa ho iniziato come cococo; dopodichè ho aperto p.i. col regime agevolato.
L'ho potuto fare perchè, anche se in teoria facevo l'architetto in uno studio, di fatto, non avendo firmato nulla, risultando quindi come collaboratore - impiegato.
Nel tuo caso, invece, se hai firmato qualcosa, significa che l'attività di architetto l'hai già svolta, quindi non puoi aprire p.i. col regime agevolato perchè stai proseguendo l'attività iniziata.
dan :
quoto Lorenzo... anche per quel che ne so io non potresti aprire p.iva agevolata nel tuo caso... prova a chiedere a un commercialista.
comunque anch'io ho p.iva agevolata ma per non avere dubbi mi sono prima iscritto all'ordine e poi l'ho aperta... in questo modo non poteva entrare in conflitto con i vari cocopro precedenti in quanto la mansione svolta non poteva essere la stessa. dan
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.