dite la vostra...

messaggio inserito sabato 5 luglio 2008 da marS

marS : [post n° 167418]

dite la vostra...

Ho quasi dei sensi di colpa per aver "rinunciato" implicitamente un'offerta di collaborazione.
Sono stato contattato da uno studio di architettura della mia città proponendomi una collaborazione con loro. Premetto che sono alla ricerca di lavoro da più di un anno ed una pseudoesperienza di tre anni in vari studi.
Mi sono recato nel loro studio per un colloquio...debbo dire molto gentili. Le loro richieste sono state in sintesi queste:
- stesura capitolati
- pratiche autorizzative
- pratiche di accatastamento
- disponibilità a "girare" per vari cantieri
- motorizzato
Il tutto a 800 euro lordi mensili...con partita iva.
Ho dato la massima disponibilità su tutto, avendo i requisiti richiesti, tranne per l'apertura della partita iva.. almeno per il mese di prova. Non sono motorizzato ma ho espresso l'intenzione di acquistare una moto nel breve periodo.
Risultato: non mi hanno chiamato.
La domanda che vi rivolgo è questa: avreste accettato di aprire partita iva a queste condizioni?
Ringrazio anticipatamente chi mi vorrà dare una risposta.
flw :
io non avrei accettato
gabry :
Poi che vogliono che per 800 Euro lordi tu gli porti anche il cane a fare pipi?
Basta con queste offerte da fame che non bastano neppure per arrivare a metà mese......oltretutto devi comprarti anche il mezzo per fare i comodi loro.....non avere sensi di colpa e guardati intorno. Ciao
mandy :
guadagni di a stare a casa! lapartita iva già è una fregatura aprirla se poi fatturi sempre allo stesso studio, figuriamoci a quelle condizioni! MA QUALE SENSO DI COLPA ?
gigi :
e' dura stare a casa una settimana, un mese, un anno....... ci si sente sempre piu' inutili e rassegnati; si vive in un limbo sentendosi inutile e cosa piu' grave dipendenti dei nostri genitori. Gli amici coetanei che magari lavorano in fabbica stanno mettendo su famiglia perche prendono 1800-2000 euro al mese? e allora noi architetti siamo sempre piu depressi perche tali amici ci chiedono consigli ma di un rimborso spese per il rompimento di scatole a girare per negozi o piantine chieste con insistenza nemmeno a parlarne.(io consigli a gratis non ne do piu')
Per 800 euro hai fatto bene a lasciare stare, io credo chi il minimo della decenza sia 1200 netti o 1200 a nero con meno non si puo' vivere decentemente. a volte mi chiedo perche ho scelto di studiare? per masochismo? o per la volonta di vivere senza nulla, quasi da francescano. La cosa che mette piu' paura è il pensare al futuro, tra qualche anno da quarantenni inoltrati tecnicamente disoccupati (perche i lavoretti non sono occupazine)
Vichy :
....vi invito su equilibrio precario il blog che parla di tutto questo purtroppo non posso più mettere l'indirizzo qui ma digitanto su google equilibrio precario io bloggo lo troverete, ci sono tante storie se spulciate nell'archivio....e potete scrivere anche la vostra.
in ogni caso dopo 3 anni di esperienza hai fatto più che bene...
leslie :
che dopo tanto tempo a cercar lavoro sembra da altezzosi rifiutare un'offerta, che per quanto misera è pur sempre un'offerta....ma ti assicuro che in questo caso non c'è da avere rimorsi!! Per quello che ti offrono, ormai guadagni di più a a stare a casa, hai meno spese...
Hai fatto due conti di cosa ti rimane in tasca? é una cifra accettabile per mezza giornata di lavoro e non per "8" ore di lavoro (si sa che sono sempre di più e mai meno).
Se devo essere sincera, piuttosto che accettare queste condizioni (dopo tre anni di lavoro?!) cercherei un altro tipo di impiego nell'attesa di un'offerta migliore.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.