Come scegliere l'impresa con la quale lavorare

messaggio inserito martedì 23 settembre 2008 da Neo_Ninpo

[post n° 173968]

Come scegliere l'impresa con la quale lavorare

Salve a tutti :) ,

mi sto preparando ad entrare, pur nel mio piccolo, nel mondo del lavoro come libero professionista, staccandomi dagli studi sanguisuga dove lavoravo anche per 10 ore al giorno per avere 400-500euro al giorno.

Vorrei, se fosse possibile, sentire i vostri pareri sul come contattare le imprese per realizzare i miei progetti e quali sono i criteri a vostro parere, con i quali selezionare quelle serie da quelle messe in piedi per tirare avanti la giornata.

Grazie :)
:
400-500 euro al giorno e ti lamenti? :)
suppongo volessi dire al mese..!!
:
Si scusami al mese... :(
:
non ho capito la tua domanda: hai già dei committenti e stai cercando un'impresa per far realizzare i tuoi progetti?
usa quelle cui si appoggiavano gli studi per cui lavoravi, fai un capitolato di gara e dallo a 3-4 imprese per vedere che prezzi ti fanno, chiama il collegio costruttori della tua città e fatti dare un elenco di imprese solide
:
Innanzi tutto gira alla larga dai piccoli costruttori(cioè quelli che hanno acquistato un lotto per costruire le classiche villette da vendere a prezzi allucinanti)perchè è gente che per fare l'affare venderebbe pure la madre,sono dei volponi,delle me.rde,si finisce sempre per litigare o avere rogne perchè fanno abusi(e poi concessioni in sanatoria) a iosa,e se ti prendi qualche responsabilità( sicurezza in esecuzione) puoi finire molto male,perchè tu firmi!!
Per esperienza una buona spia di serietà è vedere come vengono trattati gli operai dell'impresa.Io quando finivo mi fermavo a parlare con loro e quando ho visto e sentito alcune storie allucinanti,me ne sono andato subito via.
Le storie allucinanti sono per esempio gente che aveva problemi di famiglia e lavorava 14-16 ore al giorno!!
O anche il modo di reclutare gli operai,se c-è molta rotazione di personale vuol dire che il titolare dell'impresa è un pezzo di m....
:
Ho avuto alcune proposte di progettazione da parte di alcuni imprenditori del sud italia, ingegneri civile che cercavano giovani progettisti e responsabili della sicureza del cantiere (494/626), proprio per edificare delle villette e degli alberghi.

Quando lavoravo per alcuni studi questi avevano a che fare con imprese al cui interno vi erano architetti ed ingegneri a capo della parte tecnica e mi sembravano alquanto intrallazzieri e vogliosi di gestire tutto loro, in merito a chi era titolare dell'impresa dal lato commerciale, si pompava spesso di dire "operai disponibili? quanti ne volete!" cosa che mi risultava alquanto stramba...

Cmq grazie a tutti per i consigli!
:
Non mi sento di dirti di rinunciare,perchè è sempre un opportunità lavorativa,ma di aprire gli occhi.Poi se mi parli del sud italia dove opero pure io,allora stiamo proprio messi male!
Tra il nord e il sud c-è ancora un casino di differenza,tieni conto che al nord gli ispettorati ecc. ti fanno un c.ulo quanto una montagna se l'impresa sgarra!Qui al sud è ancora una barzelletta(ma solo per l'impresa che molte volte ha le spalle coperte....),e mi fermo qui...
Al sud ci si improvvisa di più senza avere competenze,e permessi.Tu invece fresco fresco di esperienza(con le imprese) sei proprio l'agnellino sacrificale adatto a parargli il sedere a sti volponi,in caso succeda qualche casino,percio prima di tutto parati bene il sedere prima di prenderrti responsabilità
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.