1500 fatturati

messaggio inserito sabato 27 settembre 2008 da lorenzo

[post n° 174427]

1500 fatturati

ciao ragazzi, premettendo che mi sono letto i miliardi di post sulla partita iva senza venirne a capo..vi chiedo:
mi è stato offerto un lavoro di 3 anni e l'offerta economica è (testuale) 1500 fatturati al mese...ora io per non sembrare ignorante ho detto che valuterò...ma 1500 euro fatturati..in soldi..quanti sono?
:
sono circa 1.100 € perchè: 1.500€ x 12 mesi = 18.000€ sei sottoposto ad un'aliquota IRPEF del 27% (tasse), quindi: il 27% di 18.000€ sono 4.860€ di tasse. Ti restano 13.140€ annui/12 mesi = 1.095€ netti al mese....
senza contare INARCASSA e Ordine ecc....fai conto che se hai delle spese (auto, carta, cartucce, pc nuovo ecc) puoi sempre detrarle dal tuo "imponibile" i 18.000€ annui famosi...se arrivi, con le varie spese sostenute, sotto i 15.000€ l'aliquota IRPEF si abbassa al 23%...
accettare?? secondo me dipende, se il tuo primo lavoro perchè no?c'è molto di peggio in giro....in caso contrario valuta...ciao!
:
il caso contrario è una società di costruzioni 1400 netti tempo indeterminato..al di la dell'aspetto economico mi domando come prima esperienza cosa sia piu formativo..una società associata o un impresa di costruzione...ad ogni modo le spese di cui parli(inarcassa iscrizione ord. ecc.) a quanto ammontano?
:
a padova l'iscrizione all'ordine è sui 200,00€ annui,contributi inarcassa sei sui 600,00€ annui per i primi tre anni + il conguaglio a fine anno....se non hai già partita iva ti conviene il contratto, prendi 1400,00 netti senza nessun problema...e poi quando deciderai fai sempre in tempo ad aprire partita iva...
:
ciao Lorenzo..
con 1500 fatturati al mese, è vero che sono 18000 all'anno facendo 12 fatture, ma se non hai mai aperto p.iva, puoi scegliere quella agevolata, risparmiando un bel po'.... per capirci: con p.iva normale, l'IRPEF è al 23% min per poi aumentare (anche se non lo paghi su tutti i 18000 perchè esiste la no tax area e perciò non serebbero 4860 euro di tassa IRPEF ma qualcosa meno) in più se sei appena iscritto all'ordine paghi INARCASSA la metà cioè il 5% e non il 10% per tre anni; con p.iva agevolata, non hai la no tax area ma l'IRPEF è fisso al 10% per tre anni oltre al discorso di prima su INARCASSA che vale anche con p.iva agevolata.
secondo me, se non hai lavori tuoi, accetta i 1400 euro al mese con assunzione a tempo indeterminato (hai ferie pagate, tredicesima, probabilmente quattordicesima e T.F.R. perciò all'anno sono 15 mensilità circa per 1400 netti); se invece hai lavori tuoi, decidi tu... anche se potresti fare entrambe le cose, ossia l'assunzione e se le cose girano bene aprire partita iva in un secondo momento quando vedi che ne val la pena (io farei così)....
ciao
:
ok economicamente siete stati di grande aiuto...GRAZIE!!ma a livello professionale cosa mi dite?meglio fare esperienza in un impresa di costruzioni dove ti impari,si per filo e per segno,ma (solo) come gestire un cantiere... o andare in uno studio associato(ing e arch) dove bene o male ti giri tutti i settori dello studio (dalla progettazione architettonica agli impianti) fino ad arrivare cmq prima o poi ad una esperienza in cantiere?
:
formativamente decisamente uno studio, ma solo se è uno studio serio dove anche se inizi come caddista per lo meno hai sottocchio progetti e metodi lavorativi, e man mano avrai sempre maggiore autonomia progettuale; diverso è il discorso se ai a fare le fotocopie o il caffè.. a quel punto meglio l'impresa. non è mai comunque tutto rose e fiori, in uno studio stai certo che vai a essere sfruttato, ma dipende da quanta esperienza hai finora: val sempre la pena per i primi anni ingoiare qualche rospetto per apprendere il più possibile, e poi riuscire a ingranare per conto proprio.
:
sia per la proposta economica sia perche' vedresti fisicamente come si costruisce un edificio, ti aiuterebbe moltissimo poi a progettare.
:
Io ti consiglierei di accettare il lavoro presso l'impresa-...
:
anch'io sono per l'impresa!se potessi tornare indietro i primi anni li farei in un'impresa, è abbastanza umiliante non sapere tante cose costruttive, anche banali, dopo 5 anni di esperienza...e poi lo stipendio che ti offrono è ottimo
:
Sono laureata da 3 anni, di cui 2 e mezzo circa sono stata in uno studio piccolissimo (un architetto e sua moglie, geometra, che faceva solo successioni e cose del genere)...praticamente facevo la disegnatrice e preparavo pratiche per dia e pdc, ma per cose veramente piccolissime, opere pubbliche solo uno striminzito marciapiede...
Chiaramente il tutto con 500 euro in nero, che dopo 2 anni sono diventate la bellezza di 700...
Non ce la facevo più e appena si è presentata l'occasione me ne sono andata, ora sono in un'impresa molto grossa, prendo 1500 netti al mese, 13esima e 14esima,
Il lavoro non è che sia gratificante al massimo (anzi, si hanno di quelle menate assurde, tipo in questo periodo i controlli per la qualità, delle vere pagliacciate, solo chili di carta che con laqualità di quello che si costruisce non hanno nulla a che fare..) ma sto comq imparando cose che prima sicuramente non avrei mai visto, le contabilità si fanno davvero (se no non ti pagano) e non a caso...
Io ti consiglio l'impresa, se sei alle prime armi, ne perderai dal punto di vista "architettonico" ma ne guadagni dal punto di vista pratico, che serve sempre in futuro.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.