Aumento di volume?

messaggio inserito martedì 30 settembre 2008 da novello

[post n° 174752]

Aumento di volume?

Salve a tutti, scusate la domanda che può sembrare banale ma mi è venuto un dubbio atroce.
Nuovo edificio, con struttura in c.a. e tamponamento in blocchi alveolari; sul disegno di concessione i muri sono stati convenzionalmente riportati di cm 30, la struttura è stata progettata in asse alla muratura, con una larghezza di cm 25, per vari motivi converrebbe murare il tamponamento a filo interno della struttura, il problema è che mentre internamente avremmo una quota finita (intonaco compreso) superiore a cm 2 rispetto al concessionato, esternamente invece questa differenza sale a ben cm 9...
Secondo voi qual'è la soluzione migliore che si può adottare e soprattutto se ci sono norme che regolano questo aspetto.
grazie.
antonio
:
ci devi pensare in fase di progettazione da pratica edilizia!!! in teoria il maggior spessore te lo dovresti caricare tutto all'interno (sopratturro se mi parli di un +9!!!!!)
se invece lo vuoi portare all'esterno: attenzione perchè questo aumento di spessore potrebbe mandarti in crisi se sei bruciato con le distanze!
ad ogni modo dovresti anche provare ad incrociarti con la normativa nazionale per il risparmio energetico (non calcoli volume e, soprattutto, non fa distanza) e con una eventuale normativa regionale in merito...
bye bye
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.