architetto pensionato e INPS

messaggio inserito giovedì 19 febbraio 2009 da vinc

vinc : [post n° 189010]

architetto pensionato e INPS

Sono un professionista pensionato Inarcassa di anzianità. Dato i tempi, sono costretto a riprendere a lavorare come consulente a studi e imprese, non potendomi iscrivere all'Albo, pena perdita pensione! Mi dicono che posso riaprire una partita IVA nuova come consulente e fatturare regolarmente. Quì nasce il problema: avendo assolto con Inarcassa l'aspetto previdenziale, cosa devo fare? Qualcuno mi dice ... iscriviti alla gestione separata INPS.... ok perfetto.... quanto costa e a che pro?
Qualcuno che ha già navigato su queste acque mi dia qualche dritta.... grazie.
Vichy :
io credo che ti convenga chiedere ad un CAF per esempio, suppongo che il problema sia come non farsi togliere la pensione...non penso che tu debba versare ulteriori contributi (appunto a che pro)...però dovresti trovare la forma adatta di fatturare se come singolo o come s.a.s per esempio con qualcun'altro...ma le mie sono supposizioni, forse sarà un po' difficile trovare qui qualcuno nella tua posizione.
Nota a margine...il fatto che cmq non ti puoi godere manco la pensione è triste...spero che sari stato più fortunato di noi a suo tempo..!!...
vinc :
grazie..... già fatto.... la CAF risponde che devo iscrivermi alla gestione separata INPS e versare il 17% di ciò che fatturo a questo ente, senza che da questo avròmai un ritorno. E' assurdo se consideri che poi l'ammontare delle fatture farà reddito con la pensione e praticamente pagherò tutto in tasse. Poi vogliono sapere perchè in Italia il nero e l'evasione cresce!!!!!
desnip :
Purtroppo, vinc, il discorso del CAF fila: è logico che dovrai pagare all'inps senza avere alcun ritorno visto che i contributi non si pagano per la nostra pensione ma per quella degli altri.
Lo so che non dovrei dirlo, ma dà retta a me: lavora a nero come tanti altri pensionati...:-(
vinc :
Viva l'Italia!!!!
Vichy :
e come fa poveraccio se deve firmare qualcosa??...infatti cmq se ci devi fare paro o ci devi andare a perdere chi te lo fa fare se lla fine i soldi che ti rimangono in tasca so sempre quelli?
se hai dei figli, mogli o qualcuno di fidato forse è meglio che fai una s.a.s. con te a una % bassa, certo il resto dei ricavi si va a cumulare con i redditi delgi altri...ma magari sono studenti...questo al Caf potresti proporlo credo.....
cmq la tua storia è veramente interessante e psecchio dei nostri giorni, io ho un blog che qui non posso citare se ti va di dare un'occhiata scrivimi una mail a valelal(at)libero.it che ti do il link, parla di lavoro, precariato, ecc...ma la tua storia sarebbe illuminante per molti di noi credo...
ciao!
vinc :
un parere.... una consulenza la posso firmare..... sono sempre un architetto laureato e con tanto di abilitazione professionale rilasciata dal ns amato Stato.
Ma la stupidità dei ns governanti pro tempore è esemplare.
Tutto congiura contro l'onestà e ti costringono a prendere decisioni illegali. Quanto sarebbe facile e bello.... hai la tua pensione sudata da 38 anni di contribuzione..... vuoi... anzi devi lavorare ancora sennò non campi..... basterebbe dire su quello che fatturi esentiva mi paghi una tassa secca del tot % e amen.
Ma è troppo semplice e facile.... allora tutto in nero è meglio!!!!
Viva l'Italia.
vinc :
Vichy ti ho mandato una email.....
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.