Edilizia religiosa: parcheggi?

messaggio inserito lunedì 2 marzo 2009 da Faith

[post n° 189983]

Edilizia religiosa: parcheggi?

Salve a tutti,
chiedo un consiglio per una mia amica che sta sostenendo l'esame di stato. Avendo progettato un complesso religioso (chiesa, oratorio, casa del custode...) si chiedeva se e in base a che legge dovesse dimensionare il quantitativo di parcheggi.
Lei ha applicato la Tognoli nello scritto, ma ora teme che nell'orale le facciano notare l'errore e le chiedano di correggerlo.
So che non è una cosa che si progetta tutti i giorni, ma qualcuno potrebbe darmi una dritta? Grazie mille a tutti sin da ora!!
:
In assenza di una norma locale che sia più restrittiva va presa in considerazione la norma nazionale ovvero nel caso specifico la L.1150/1942 (legge urbanistica) che all'art.41 sexies (così come modificato dall'art.2 della L.122/1989) prevede che: «Nelle nuove costruzioni ed anche nelle aree di pertinenza delle costruzioni stesse, debbono essere riservati appositi spazi per parcheggi in misura non inferiore ad un metro quadrato per ogni dieci metri cubi di costruzione». Prima dell'entrata in vigore della L.122/1989 la norma che imponenva l'area a parcheggio era stata la legge pponte L.765/1967 che però imponeva 1mq di parcheggio ogno 20mc di costruzione. Nello specifico era l'art.18 che introduceva alla L.1150 l'art.41 sexies.
Spero sia stato chiaro.
:
solo per curiosità: ma perchè non scrive direttamente la tua amica?
E' la seconda volta che leggo un post fatto per un amico... Per carità, è una gentilezza, ma potrebbe essere altrettanto una gentilezza dire: guarda, c'è un sito dove puoi trovare aiuto...
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.