LAVORI IN ECONOMIA

messaggio inserito mercoledì 1 settembre 2010 da Schweiny

Schweiny : [post n° 239582]

LAVORI IN ECONOMIA

Salve a tutti! Devo ristrutturare un'edificio di fine Ottocento-inizio Novecento di proprietà di una mia zia, le opere comprendono interventi di consolidamento post sisma umbro marchigiano del 1997-98 (l'edificio è stato donato qnd nn rientra nella concessione di contributi statali...) da realizzarsi in economia, vista la possibilità di poter risparmiare qualche cosa. Sapreste gentilmente illustrarmi quale procedura seguire per lavori in economia, dalla prima all'ultima fase? nn ho mai operato in qst settore qnd nn so proprio come muovermi...ad es., immagino che sia cmq necessario presentare un progetto architettonico e strutturale con i relativi doc e relazioni, ma è necessario un DL? e la sicurezza del cantiere? vi chiedo gentilmente di illustrami quali passi seguire e quali normative e leggi devo tenere in considerazione...Grazie a tutti...!!! A presto
delli :
i lavori in economia non sono più permessi.... devi avere un'impresa con relativo DURC
bye bye
carmen :
rilievo,progetto esistente,pogetto che si vuol proporre e raffronto,se l'edificio è tutelato allora di solito richiedono fotografie di ogni pezzo di facciata compresi i dettagli tipo balconi, balaustre, stemmi, maschere etcetc, poi ti consiglio di rivolgerti ad una ditta di restauri per chiedere la tipologia di intervento, i materiali che si voglion usare etc. di solito in un intervento di restauro ogni parte di edificio viene catalogato e vi sono delle appostite schede tecniche(ogni ditta di restauro ha le proprie) da compilare dettagliatamente.La dl penso sia obbligatoria . Se è tutelato ti conviene rivolgerti comunque ad una ditta di restauro, vi sono più garanzie...
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.