Il solito vile denaro..e le tasse?

messaggio inserito martedì 20 luglio 2004 da Robain

Robain : [post n° 25260]

Il solito vile denaro..e le tasse?

Scherzo, chiaramente.
Volevo chiedere a tutti un 'informazione: mi è stato proposto di lavorare per uno studio con uno stipendio di circa 900-1000Eu. mensili.
Purtroppo al colloquio non ho sindacato sul fatto che fossero lordi o netti.
Nella peggiore delle ipotesi quindi saranno lordi.
Come mi consigliate di fare affinchè di questa cifra spenda il meno possibile in tasse?
Ritenuta d'acconto? partita IVA? Al momento non sono ancora abilitato nè ho partita Iva.
Vorrei andare al colloquio definitivo con le idee chiare.
Ringrazio chiunque mi risponda o mi indichi dove trovare informazioni.
silvalexa :
Ammesso che tu abbia la possibilità di scegliere credo che la cosa più conveniente sia la ritenuta d'acconto perché paghi il 20% in tasse e basta. Invece con p.iva credo che oltre alle tasse ci siano delle spese fisse anche nei momenti in cui non hai entrate (spese dovute al fatto che necessiti dell'assistenza di un commercialista o tutor). Non sono sicura che ciò valga anche per la p.iva agevolata (sotto i 35 anni) anzi se qualcuno lo sa... sarei curiosa di saperlo anche io!!
delli :
mi sembra che non puoi fare più di 5000 euro/anno con la sola ritenuta (non so se a cliente o in totale...) e lavorando con un mensile "fisso" supereresti questa soglia
se non hai inarcassa sei soggetto iva tipo "disegnatore tecnico" devi applicare un contributo (anticipo inps) pari al 4% (legge 335/95) oltre a iva e ritenuta...

esempio:

importo= 1000€
contributo 4%= 40€
IMPONIBILE= 1040€
+IVA 20%= 208€
totale= 1248€
-ritenuta 20%= -208€

TOTALE= 1040€

non so dirti come funziona in regime di agevolazione... tieni presente che con l'iva devi fare la dichiaraziopne iva e gli studi di settore oltre che l'unico (ex740) quindi ti conviene cercarti un commercialista / ragioniere che ti segua un minimo con i vari registri e dichiarazioni
bye bye
silvalexa :
è vero, la ritenuta non si può fare per prestazioni continuative... ma se vi dicono così è spesso perché a chi vi paga conviene che abbiate la partita iva e quindi spinge perché la apriate. Se proprio si volesse si potrebbe lavorare in modo continuativo anche con ritenuta...ad esempio a me una volta in uno studio hanno proposto di fare così: mi avrebbero dato i soldi ogni mese, ma la ritenuta la facevano un mese si e uno no, che in pratica valeva per l'importo pari a due stipendi, quello di quel mese e quello del mese prima.
delli :
alla fine se sommi in un anno le prestazioni fatte con ritenuta la tua soglia non la puoi superare (a meno che hai soggetti diversi) perchè va tutto bene ma il concetto di prestazioni occasionali resta quello di una tantum... se fai qualche lavoretto a spot ok ma se sei fisso in uno studio e comincia a fare due-tre ricevute l'anno per 10-15.000€ non le giustifichi più come "occasionali"
comunque vedi tu... ti consiglio cmq di sentire un commercialista (meglio se uno che si occupa prevalentemente di professionisti e non di ditte)
bye bye
ali :
...la prestazione occasionale non può superare i 5000 € annui (legge biagi) per cui sei "costretto" ad aprire p.iva con relativa iscrizione ad inarcassa.
se hai meno di 35 anni hai delle agevolazioni.
saluti
federica :
ciao roby! il mio consiglio è di accettare in ogni modo, e comunque di non aprire partita iva! a me fanno una ritenuta all'anno e va bene così!
bx :
si solito si pattuisce il prezzo a cui in genere si aggiunge IVA e 2% inarcassa
peppe :
se "da grande" vuoi fare il progettista fatti una partita IVA, iscriviti a un Ordine ed alla Cassa. Fai le cose come si deve, non seguire i consigli di chi ti invita a lavorare in nero. Se fai una fattura puoi dimostrare di aver fatto quel lavoro, ti fai un curriculum, un'esperienza.
Capisco le perplessità. Le ho avute anch'io i primi anni. Pagare i minimi all'Inarcassa senza aver guadagnato niente, pagare la retta dell'Ordine senza aver firmato un progetto. Ma questo mi ha dato la spinta per cercare di migliorare, di lavorare come professionista.
Se non fai il "grande passo" non vai avanti e rischi di rimanere disegnatore (in nero) a vita.
Luigi :
tu sia iscritto ad un ordine professionale.
Mi spiego meglio. Puoi aprire partita iva ad es. come disegnatore (chiedi ad un commercialista), poi quando ti iscrivi all'Ordine cambi il codice attività.
Ovviamente tutto questo (la p.iva) comporta che il 40% dei tuoi guadagni finisce in tassazione (chiedi al commercialista!)... in un modo o nell'altro :(
Gli studi tecnici non assumono perchè a loro costerebbe... in questo modo scaricano su di te tali costi.
Non puoi fare ritenuta d'acconto se superi i 5mila euro annui e lavori per più di 30 gg annui. Questo lo dice la legge Biagi, che ha cercato di limitare il numero di ritenute d'acconto (prima era la scappatoia usata da moltissimi).
Trovati un bravo commercialista e chiedi a lui/lei.
Ciao
Robain :
Grazie a tutti per aver provato ad aiutarmi.
Ma dove le cose mi sembrano più chiare,risulta chiaro che devo anche rimetterci un sacco di soldi in IVA.
Intendo,se quei mille ? fossero lordi, netti son 600 meno le spese (viaggio e pranzo).
Pensavo di andare con ritenuta d'acconto da settembre a dicembre, e poi vedere cosa fare...
delli :
tieni conto che l'IVA, di solito, è sempre un valore aggiunto quindi 1000+IVA perchè nel trimestre o mese successivo la devi versare (a meno che tu non abbia qualcosa da scaricare) quindi 1000+200(iva) e poi versi 200 con il modello f24 nel mese/trimestre successivo... per il discorso ritenuta e inps vale quello che dice luigi:
solo ritenuta x max 5000€ l'anno quindi può essere ok per te x periodo set-dic

TIENI PRESENTE che la ritenuta d'acconto vale come un anticipo tasse ma non è che versata quella sei a posto...

bye bye
Robain :
ma devo cercarmi un commercialista...
francesco :
1000 euro + iva sono 800 € che ti metti in tasca...escluse spese commercialista (almeno 50 € al mese).il problema grosso, per molti di noi, è guadagnare quanto un impiegato e pagare le tasse come un libero professionista.
prova a vedere se ti fanno un contratto a progetto....
achibaldo :
Hai proprio ragione, anchio come te o tutti voi lavoravo a nero e avevo queste perplessita' ho lavorato a nero per ben 13 anni pero' ho guadagnato molto ora che sono architetto nessuno piu' viene da me a farsi un progetto quindi come vedi lavoravo dippiu' quando non ero niente circa 2500€ netti al mese ahhaa!!conviene a dire che non sei architetto e che sei un semplice arredatore ok!!! asta la vista e ci vediamo in carcere......
bx :
vedrete che quando aprirete il vostro studio abbasserete la guardia... di questi tempi tempi è una grazia se coprite le spese dello studio...
la :
se hai uno studio e ti serve un collaboratore devi essere in grado di pagarlo dignitosamente. Siccome tu devi giocare al "piccolo imprenditore", io ci devo rimettere?
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.