Legislazione scale

messaggio inserito venerdì 22 aprile 2011 da Tony

Tony : [post n° 260727]

Legislazione scale

Salve
ho appena notato che un pazzo di architetto vuole realizzare delle scale che non tengono conto del rapporto 2a+p. Lui afferma che non c'è nessuna legislazione italiana che regola questo rapporto ma afferma che si trova solo sui manuali tecnici come indicazione generale per la progettazione delle scale. Io ho trovato D.M. 14 giugno 1989 n. 236 che lo smentisce.... vale solo in particolari casi???
dp :
1) fatta salva la normativa vigente citata e il "buon senso" progettuale va verificato il RUEC

cordialmente
carmen :
nel mio comune se non si tiene conto del rapporto la pratica può essere anche bloccata in sede uffici comunali...altra cosa da dire è che senza quel rapporto sarebbe molto fastidioso percorrere le scale...nell'eventualità potreste anche citarlo in seguito per non essersi attenuto al rapporto ed aver progettato e costruito non a "regola d'arte"...
desnip :
Curiosità: in un comune vicino al mio proprio nel municipio non viene rispettato questo rapporto! Ci sono delle scale con una pedata lunghissima e un'alzata intorno ai 10 cm (scomodissime!). Chissà perchè le hanno fatte così.... siccome è uno scalone, a me fa venire in mente quelle scale degli antichi palazzi fatte per essere percorse anche da cavalli o muli (ci sono anche in Vaticano, così) :-)
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.