"Giusta retribuzione"

messaggio inserito mercoledì 18 dicembre 2002 da ese

[post n° 2836]

"Giusta retribuzione"

Sono un ragazzo di 28 anni laureato in architettura con 110 e lode ed abilitato alla professione.
Ho già fatto alcune esperienze accademiche molto prestigiose ma non ho grande esperienza pratica lavorativa.
Ora mi è stato proposto un posto di collaboratore presso uno studio di architettura, dove svolgerei mansioni di responsabilità in campi affini alla mia competenza e mi è stato chiesto di definire la mia "giusta retribuzione" su cui poi concordarmi col titolare dello studio.

Vi chiedo, in base alla mia situazione, quale ritenete sia il giusto? e quale forma contrattuale potreste indicarmi come ideale?
Grazie a tutti.
:
non tocca a te definire la retribuzioe ma al titolare dello studio, questa è una mossa che fanno di solito per fregarti, visto che loro meglio di te che non hai avuto grosse esperienze lavorative di collaborazioni professionali, sanno quale è il compenso che ti spetta commisurato ovviamnete alle tue capacità.
comunque apparte il lato economico che senz'altro è importaante per te in questa fase la cosa più importante è l'esperienza che tisarà in futuro fondamentale per costruire la tua professione.
in bocca al lupo da max
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.