SCIA O DIA?

messaggio inserito sabato 25 febbraio 2012 da raffaella69

[post n° 284359]

SCIA O DIA?

SALVE
Un mio cliente Ha svolto dei lavori non comunicandoli,entro quanto tempo deve farlo?
In quali casi si deve fare la Dia o la Scia,e solo in caso di modifiche strutturali?Per modificare o smantellare un bagno,per tamponare una porta,per aprirne un'altra è necessario fare la Dia? Chi mi sa consigliare un sito per chiarirmi le idee? mi è stato detto che la legge è stata recentemente modificata e quindi vorrei saperne di più.GRAZIE.
:
Ciao Raffaella. Ti consiglio di leggere l'art. 6 del DPR 380/2001. Se non vai ad intervenire su parti strutturali dell'edificio, puoi tranquillamente usufruire dell'attività edilizia libera. Per quanto riguarda SCIA o DIA varia da comune a comune. C'è chi l'ha abolita completamente e chi la conserva. Nel mio comune per esempio la DIA si utilizza solo per il Piano Casa. Ma ripeto, per lavori di manutenzione straordinaria, se non interessano parti strutturali, puoi utilizzare l'attività edilizia libera. Saluti
:
io direi CIA. Leggere art.6 del DPR 380/2001 ma con le modifiche che hanno apportato nel 2010, cioè vedere l'art.5 del DL 40/2010.
Di quest'ultimo DL vedere il comma 7 che parla delle sanzioni per mancata comunicazione e trasmissione relazione.
:
Gli interventi che hai descritto potrebbero passare come attività edilizia libera e quindi basterebbe fare una CIL o CIA (comunicazione inizio lavori/attività)
In tal caso non devi fare una SCIA in sanatoria, che se non sbaglio prevede una mora di 500 €.

Attenzione però per parti strutturali si intende anche soppalchi, quindi se nel nuovo bagno è stato realizzato un soppalco in muratura teoricamente il titolo autorizzativo da presentare sarebbe dovuto essere la SCIA!

Leggiti il T.U. 380/2001 e la legge 73 del 2010 quella che introduce la SCIA e modifica il TU
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.