parcella per timbro archiettto

messaggio inserito sabato 24 novembre 2012 da catania19

catania19 : [post n° 303979]

parcella per timbro archiettto

Ciao,
in un periodo storico in cui la crisi ci dilania tutti, sto per accettare il seguente "lavoro": un amico geometra mi ha chiesto di mettere il mio timbro di architetto su un progetto fatto da lui, ma che non potrebbe firmare in quanto geometra.
Premesso che mi fido di lui e non credo voglia crearmi problemi ma ha solo bisogno di questo timbro, secondo voi quanti soldi dovrei chiedergli? si tratta solo di porre un timbro.
Grazie per quanti mi daranno un consiglio
maxxx :
Dipende dal tipo di progetto.
Tutto sommato sei tu che firmi e ti prendi le responsabilità, lui ha solo trovato il cliente e disegnato... probabilmente ti spetta un 50% della parcella.
catania19 :
Grazie maxxx per avermi risposto.
Diciamo che io sono architetto da solo 3 anni e quindi non avendo anni e anni di esperienza non me ne intendo molto. Inoltre a livello professionale mi occupo di design più che di progettazione residenziale, quindi davvero non so come comportarmi...
kia :
mettere il timbro non è proprio una inezia perchè ti prendi la responsabilità di ciò che timbri. Controlla cosa stai timbrando perchè poi se c'è qualcosa che nn va vengono a cercare te e non l'amico geometra.
catania19 :
Certo kia, grazie. Ovviamente cercherò di controllare dettagliatamente il progetto. Dipende anche dall'entità del progetto, cioè firmare per una casetta o un ampliamento non è come firmare per un progetto di un condominio...grazie
Arch. Ir :
ha solo trovato il cliente e disegnato...
in effetti anche i clienti ragionano così quando non vi pagano....

il 50% della parcella.... mah....
sarebbe proprio un grande amico....nel caso tienitelo ben stretto.

Anche fosse una casetta comunque, immagino ti farà firmare soltanto la pratica sismica del ca, mica l'architettonico, la direzione lavori dell'archittonico, gli accatastamenti ecc...ecc...

Facci sapere qualcosa in più.
catania19 :
Non ho davvero idea di che tipo di tavole mi debba fare firmare, sicuramente vi terrò aggiornati. Grazie a tutti per le risposte
Dotting :
mah, forse sarò un po' all'antica, ma io credo in quel documento chiamato "codice deontologico".

Cito quanto hai detto: "...non me ne intendo molto. Inoltre a livello professionale mi occupo di design più che di progettazione residenziale...".

Da come hai detto ci sono probabilità che nessuno di tutti e 2 (sia tu sia il tuo amico) possiate firmare quel progetto, quindi valuta la cosa con attenzione.
catania19 :
a dire il vero, lui mi parlava della necessità di un tecnico esterno al progetto (io) che dovrebbe appunto firmare il progetto. lui in quanto coinvolto non lo può fare.
un po' come quando il certificatore energetico non deve essere stato coinvolto nella progettazione dell'edificio. Il codice deontologico ce l'ho ben presente e la mia professionalità non è mai stata intaccata, ma quando vedi che il mercato è fermo nonostante il tuo impegno e la tua serietà e devi pagare l'affitto, allora ti tocca accettare anche queste cose..
Dotting :
"...allora ti tocca accettare anche queste cose"
Rispetto la tua opinione ma non sono proprio d'accordo.

Comunque hai citato l'unico caso noto (oltre al collaudo) dove c'è un conflitto, quindi è più probabile che, come ha detto Arch Ir si tratta di un elaborato per cui il titolo di Geometra non basta, quindi calcoli strutturali o architettonici belli grossi (maggiori di opere modeste), piani di lottizzazione, progetti impiantistici o ex legge 10;

La legge nello specifico non dice che un Geom. non può formare quelle opere, dice che non le può progettare e non perché al legislatore stavano antipatici i geom, ma perché mediamente non hanno un sufficiente background tecnico per simili elaborati. Dubito quindi che basti il tuo timbro per sopperire alle suddette mancanze;

Inoltre data la tua modesta esperienza e dato che sei specializzato in un altro settore potresti non esser neppure capace di validare l'elaborato per cui ti prenderai tutte le responsabilità.
catania19 :
Grazie per i consigli. Credo che verificherò comunque di che elaborato si tratta e rinuncerò ad apporre il mio timbro.
Arch. Ir :
Dotting posso chiederti qualche informazione in più sulla questione geometri / ex legge 10?

Comunque per la questione di catania19, potrebbe anche trattarsi della direzione lavori strutturale di una piccola opera in ca, magari calcolata e verificata da un ingegnere.

Dotting :
@Arch. Ir: ci sono alcune sentenze chiare in proposito e per quanto riguarda la normativa nazionale non ci sono troppo dubbi.
Diverso per il caso regionale, ad esempio secondo il collegio (che al contrario dell'ordine difende i suoi iscritti) in lombardia i geometri possono firmare leggi 10 perché posso fare anche certificazioni;

A mio avviso il collegamento ace-legge 10 è labilissimo, ma per ora non ci sono altri pareri in merito. In liguria i comuni non accettano legge 10 firmate da geom.

Invece che io sappia i geometri possono svolgere d.l. delle opere in c.a.
Arch. Ir :
In Liguria in alcuni comuni firmano relazioni tecniche per la legge 10, ma quacuno ha avuto problemi nella direzione lavori dello strutturale di opere in ca calcolate da un ingegnere; il principio è quello per il quale non è possibile fare direzioni lavori STRUTTURALI (non dell'architettonico) di opere calcolate con metodi non di competenza del tecnico in questione, diverso è il caso in cui un geometra, forte del proprio collegio provinciale di appartenenza, calcola il ca e segue la direzioni lavori (credo).
Mi informerò sulla normativa, grazie.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.