Referenze Professionali

messaggio inserito giovedì 23 maggio 2013 da arkitè

arkitè : [post n° 317468]

Referenze Professionali

Ristrutturazione Edilizia di importo presunto di circa 120.000,00 € , firmo il contratto per progettazione e direzione lavori. La committente oggi mi ha detto che, siccome la suocera si è risentita che si sia rivolto ad un'altro tecnico, lei vorrebbe sapere di alcuni miei lavori svolti in passato per vedere la mia esperienza sul campo. La cosa non vi nego che mi ha spiazzato perchè non mi è mai capitato che dopo aver firmato contratto e disciplinare mi facessero questa richiesta. Inoltre, essendo da 2 anni iscritto all'Ordine, ed essendo il mio primo incarico importante come consistenza, non saprei nemmeno cosa presentargli. Che posso fare ? Sono Spiazzato !
max :
tze... ste suocere...
immagino che con la tua dialettica, competenza e simile tu abbia convinto la committenza. é quello l'importante. niente referenze, solo tanta voglia di fare! racconta questo alla suocera e dille anche di stare attenta al gradino, ancora cade!!
arkitè :
mi sà che sei pugliese è ?
max :
:)
otto :
mi puzza di scusa per contestare al momento opportuno la tua notula o ancora peggio dileguarsi nel nulla... racconta a voce delle collaborazioni che hai svolto con mansioni di redponsabilità e tappagli la bocca!
valuta bene una cliente che a cose fatte ti dice una cosa del genere ... è premeditata a tavolino? per ora non lo sappiamo ma io mi vergognerei...!
arkitè :
Infatti Otto, mi sono vergognato io per lei. Ma poi ammettiamo che io gli presenti alcuni miei lavori fatti, che ha intenzione di chiedere ad una a una ai committenti circa il mio operato ?
Sono in imbarazzo più che in difficoltà !
max :
ti ha firmato la lettera di incarico? ormai é fatta.
fagli la progettazione e se continia a rompere, fattela pagare e mandala dove meglio credi :)
desnip :
Quoto max. Ormai ha firmato, mò che vuole?
DR COSTA :
Non per fare il guasta feste, ma da un contratto si può recedere in qualsiasi momento, e nello specifico da una lettera d'incarico pagando solo le prestazioni effettivamente svolte dall'architetto. Non è che se uno vi firma l'incarico per 20 000 € di onorario e poi il giorno dopo vi dice no scusa non se ne fa di nulla, vi deve 20000 €.
I contratti che non prevedono la possibilità di recesso unilaterale sono contratti capestro a favore di una sola parte e quindi impugnabili davanti ad un giudice. In ogni caso se hai una lettera di incarico dove non è specificata la possibilità di rinuncia da parte del cliente, naturalmente pagandoti quello che hai fatto, rischi, in caso di contenzioso in tribunale, di vedertela annullata cosi non ci guadagni nulla e gli devi pagare anche le spese legali.
otto :
ma, l'acconto l'hai chiesto?
max :
io nel mio disciplinare, nell'articolo relativo a sospensione, recesso e sisoluzione ho:
Il Committente potrà recedere dal contratto, rimborsando al Professionista le spese sostenute e pagando il compenso per l’opera svolta. Nel caso in cui l’incarico professionale dovesse essere sospeso in via definitiva per cause non imputabili al Professionista incaricato, allo stesso verrà corrisposto a titolo di piena e definitiva tacitazione di ogni prestazione, spesa ed onere accessorio, oltre al compenso in proporzione all’incarico eseguito, una maggiorazione del 25%, fatti salvi ulteriori maggiori importi derivanti da eventuali danni da esso subiti.

e sto tranquillo da suocere, zie, cazzi e mazzi.
arkitè :
max ho avuto anticipo e nel disciplinare ho incluso 1 articolo che dice quasi pari pari cio che hai scritto tu.
max :
preciso allora! cerca di essere il piú professionale possibile e vedrai che andrá bene. la suocera é vecchia che ci possiamo fare? fattela amica e sii disponibile. ha avuto una caduta di stile, tu non abbassarti al suo livello ;)
peppe1979 :
basta che non mi chiede 1 bunga bunga altrimenti scappo via gratis
Arch. Ir :
Portagli 4 rendering di due grattacieli che hai fatto per la tua tesi, e raccontagli della corrente modernista in contrasto con quella tradizionalista mentre ti conferma l'incarico sfinita dal non capire una fava.....
ArchiFra :
se ti chiede nomi e indirizzi di tuoi precedenti committenti tu rispondi che per la privacy non puoi divulgare questi dati sensibili... cosa vera peraltro!! io nel mio cv ho esplicitati solo i dati degli studi per cui ho collaborato, ma nei casi di committenza privata ho indicato solo il tipo di lavoro con descrizione e ruoli svolti da me, senza indicare il nome o l'indirizzo ma solo la località generica
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.