Manutenzione ordinaria su immobile con difformità

messaggio inserito venerdì 31 maggio 2013 da il marsicano

il marsicano : [post n° 318257]

Manutenzione ordinaria su immobile con difformità

Un parete sulle sanzioni:
Se eseguo opere di manutenzione ordinaria, regolarmente comunicate, su immobile che ha delle difformità, anche se le parti in difformità non verranno toccate in fase di lavori, posso rischiare la chiusura del cantiere?
stebilotta :
non è esplicitamente vietato pertanto è consentito; il problema è un altro, se nell'accertamento di difformità è stato chiesto il ripristino dello stato dei luoghi o acquisizione al patrimonio comunale ciò in base a quello che devi fare tu potrebbe o non potrebbe andare ad interessare le tue lavorazioni?Quel che è stato realizzato abusivamente interessa direttamente o non direttamente quello che fai tu?Se si devi valutare bene.
il marsicano :
I lavori non andranno a toccare minimamente le parti in difformità. Per intenderci meglio, i lavori verranno eseguiti su un appartamento di 3 livelli, di cui l'ultimo mansardato. Questo ambiente è stato oggetto di nuova distribuzione ed apertura di vani finestra dal vecchio proprietario. Il nuovo eseguirà opere di manutenzione ordinaria (bagno e cucina, pitturazione) sui piani terra e primo (quindi non in mansarda).
john :
Scusa ma se opere di M.O. la comunicazione è solo del proprietario giusto? tu non asseveri nulla quindi in realtà il problema è solo del committente. Se sfortuna per lui vuole che durante i lavori fanno un controllo e si verifica che lo stato dei luoghi è difforme (finestra abusiva) il proprietario se ne assume la responsabilità. Non puoi dare tu la certezza che non chiudano il cantiere. Se smuove cose non regolari e lo beccano il problema è suo e solo suo. Sarebbe stato diverso se in opere di M.S. avessi dichiarato e firmato la regolarità dell'immobile.
il marsicano :
Lo so che io non assevero nulla, ma da tecnico ho comunque l'obbligo di informare il committente.
Però il mio dubbio rimane... il cantiere di manutenzione ordinaria è comunque soggetto a sigilli o possono solo imporre al committenza di ripristinare lì dove è difforme!?
john :
Secondo me no, il cantiere è una cosa, l'abuso è un altra...se poi con l'occasione del cantiere qualcuno di accorge dell'abuso possono chiedere il ripristino...anche se leggendo bene il post mi chiedo come si sia potuta effettuare compravendita regolare con la presenza di abusi. Forse mi preoccuperei più di questo e non delle piastrelle del bagno o della tinteggiatura, se fossi il nuovo proprietario.
il marsicano :
La vendita è avvenuta tra conoscenti... consapevoli del bene in vendita/acquisto.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.