parcella

messaggio inserito giovedì 13 giugno 2013 da dafor

[post n° 319341]

parcella

Ho bisogno di un consiglio,,,,è la prima volta che mi occupo di una ristrutturazione di un appartamento... e non so quanto chiedere al committente per il lavoro svolto fin qui. Ho fatto 2 sopralluoghi, il rilievo dello stato di fatto e ho elaborato alcune ipotesi di progetto, adesso ho progettato anche l'impianto elettrico e ho redatto il computo metrrico da passare all'impresa che redigerà il suo preventivo di spesa....ma io quanto devo chiedere?...in seguito dovrò occuparmi della C.I.L.A. e dirigere i lavori...ma adesso il cliente insiste per pagare il lavoro fatto finora. L'appartamento è di circa 70mq. Grazie
:
Rilievo...€ 300
Presentazione pratica...€ 800
Direzione Lavori...€ 500
Accatastamento € 300
Sopralluoghi € 100...
Totale...€ 2000 escluse spese...
:
ahahah! :) chiedo scusa per la risata, ma veramente sono questi i costi??
Da dott.ssa in Architettura (non ancora abilitata) mi viene da sorridere perchè fino ad ora ho fatto lavori simili per studi a titolo totalmente gratuito. Da proprietaria di casa mi viene da ridere perchè 300 € per un rilievo mi sembra davvero molto molto esagerato.

:) Saluti
:
ma se non sei abilitata come fai?
:
Mazia, è meglio che entri nell'ottica della professione altrimenti meglio se vai a fagioli che fai prima

"Da proprietaria di casa mi viene da ridere perchè 300 € per un rilievo mi sembra davvero molto molto esagerato."

indipendentemente dalle tariffe ormai abrogate, considera per rilevare un'appartamento
ore 1 per rilievo sul posto, foto, chiacchiere affini (senza contare andata e ritorno)
ore 2 per ridisegno (se fatto bene), al quale si assommano: modello 3d, probabile ridisegno delle piante come autorizzate in comune altre 2 ore.
ore 4 per stesura bozze di progetto
totale 9 ore a spanne.

300/9= 33,33 €/h
ai quali va tolto dal 10 al 20% di imposte, 14% circa di Inarcassa. approssimo 30% persi

33,33€/h - 30% = 23,34 €/h netto.

ricordo che
- licenza programma
- studio/ufficio
- assicurazione professionale
- commercialista
- telefono, e mezzo di trasporto.
- strumenti (PC, fotocopiatore ecc)
sono tutti a parte la cui quota è difficilmente scorporabile.

morale.. i prezzi indicati da GeoAlessio sono più che dignitosi.
:
lavori a titolo gratuito? allora e' vero che fare l'architetto non e' una professione ma un hobby
:
sinceramente i 2000 mi sembrano pochi. Quanto spende il tuo cliente ? I come base dipartenza teno ancora i minimi tariffari. Poi su quelli faccio tutti i ragionamenti del mondo, compreso che meglio poco che niente. Ma 2000 mi sembra pocoo al massimo giusto. Non certo una cifra spropositata
:
...E Famose 'Na Risata...!!!
Qua c'è veramente da piangere...
E concordo con il fatto che siano anche pochi...Ma di questi tempi...
:
A me sembrano tantini 2000, almeno stando ai prezzi che girano dalle mie parti.
Invece di chiedere qui, prova a chiedere a qualche collega della tua città così ti allinei al mercato. Purtroppo la parcella differisce molto da città a città in tutta Italia.
:
Anche io concordo con GeoAlessio, i prezzi dati da lui sono assolutamente nella norma. L'unica cosa che ti consiglio è magari vedere se nella tua zona i costi sono simili, perché purtroppo con l'abolizione dei minimi magari possono essere anche bassi. Unico consiglio che ti do, anche perché dovresti farlo per legge, sta volta sei stato fortunato che hai il cliente che preme per pagarti, ma il cliente non pagante è sempre dietro l'angolo: fai sempre un preventivo dettagliato di costi (un po' come il menù dei ristoranti) e poi una volta accettato e concordato il lavoro fai firmare disciplinare d'incarico completo con incluso quello che andrai a svolgere e stabilisci anche il pagamento come deve avvenire.
@MArzia: beata te che ridi... Spero solo per te che tu abbia le spalle coperte per le spese che avrai nella tua professione quando e se continuerai con questa, perché 'inarcassa, l'ordine, l'assicurazione professionale obbligatoria e da agosto anche i corsi professionali obbligatori (e per non parlare di bollette, costi cancelleria, materiale e strumenti per la professione che ti assicuro non ti regalano), le risate se le fanno loro.
:
Invece a me fa ridere questa frase: " il cliente insiste per pagare il lavoro fatto finora".
Lo voglio io un cliente così!!!:-)
:
Marzia: ma perchè lavorare gratis ?
O stai imparando e allora ci sta che tu abbia poco (nulla no, mai) perchè il resto lo incassi in esperienza; oppure hai già imparato (almeno qualcosa, almeno a disegnare) e allora produci reddito e devi incassare. Bisogna che tutti ragionino coì, altrimenti è una guerra fra disperati.
E il mio lavoro, nello stesso modo, vale non in funzione di quello che gli altri chiedono, ma per se stesso.
:
ma solo io mi agito per il fatto che non sia abilitata?Mah...
:
@ pepina, probabilmente Mazia fa la "serva" in qualche studio, e que genere di pratichette gliele danno da fare a lei, evidentemente pagandola un ca@@o..
@ desnip: o forse vogliono liquidare il suo lavoro, per affidare l'incarico a qualcun'altro.. o magari vogliono sapere quanto gli prenderà, e poi decidere.. oppure vogliono proprio pagare il suo lavoro.. :-D immagina che addirittura mi è capitato che un cliente mi ha dato un acconto il giorno stesso che ho firmato contratto, due giorni dopo avermi contattato per lavorare.. si.. esistono :-D
:
:-D immagina che addirittura mi è capitato che un cliente mi ha dato un acconto il giorno stesso che ho firmato contratto, due giorni dopo avermi contattato per lavorare.. si.. esistono :-D

da sogno.....
:
Beh, io ho scritto giusto per fare un appunto, ma se ci tenete vi parlo della mia esperienza lavorativa. :)

mi sono laureata più di un anno fa, ho fatto 3 mesi in uno studio dove non mi hanno mai pagata, e visto che non mi insegnavano niente, nè imparavo qualcosa, me ne sono andata.

(sono contro il lavoro gratis, a meno che non mi insegnino qualcosa SUL SERIO!)

poi dopo l'estate ho fatto altri 3 mesi in uno studio, niente paga, me ne sono andata perchè nessuno mi insegnava niente. qui ho fatto dei rilievi e dei progetti preliminari. aggratis.

da febbraio lavoro in una ditta di impianti di illuminazione LED come progettista (ma fanno firmare ad ingegneri amici loro) per 500 euro al mese. da febbraio mi han pagato solo febbraio. siamo a giugno.


FACCIO UN APPELLO PER COLORO CHE SI VOGLIONO PASSARE UNA MANO SULLA COSCIENZA ED ASSUMERMI.

capite perchè ho trovato strani quei costi? Perchè io farei salti di gioia per avere 500 euro mensili sicuri.

Questo è quanto. Sempre per cronaca, il 20 proverò l'esame di abilitazione.

GRAZIE!!
:
ti prego, fammi entrare nell'ottica del lavoro!!! lo voglio, con tutto il cuore, davvero!

io voglio lavorare, voglio guadagnare il giusto, e voglio stare serena.
:
@ Mazia: premessa. non sono vecchio a sufficienza per avere un'esperienza con la E maiuscola, e mi ritengo abbastanza fortunato (molto più di tanti altri giovani), e comprendo perfettamente che il periodo (che sarà ancora lungo) è duro per tutti.
considera che di laureati in Architettura siamo TROPPI (vedi mercato del lavoro con poca domanda e molta offerta).
ho avuto occasione di seguire qualche stagista, diplomato o laureato in questi anni, e sono stato a mia volta stagista e neolaureato.
ci sono tre cose da considerare:
1. l'università non insegna niente di specifico, per tale ragione quando entri in un ufficio per la prima volta parti dalla consapevolezza che non sai NULLA (e non certo perchè sei stupida, non metto in dubbio la tua preparazione) ma perchè è così, fidati.
2. va da se che in tre mesi, visto che non fai neppure un esame all'università in quel periodo, il più onesto dei titolari forse ti può insegnare l'1% di quello che serve per lavorare quotidianamente e niente delle cose che veramente fanno la differenza. i primi tre mesi son quelli che fan emergere il tuo carattere.
3. scordati che qualcuno ti insegni qualcosa.. se vai in un studio dove c'è solo il titolare, non ha tempo. se vai in uno studio grande, i tuoi colleghi han paura che se sei brava gli fai le scarpe. La professione va RUBATA. devi scrutare, osservare, intuire, capire, copiare a mani basse, studiare, essere curiosa, chiedere (senza rompere troppo le scatole) offrirti, essere disponibile, proporre (anche senza essere ascoltati)..

Se vuoi diventare una vera libera professionista e non hai le spalle coperte (e parlo di una famiglia ricca, con appoggi e amici, non parlo di un coprispalla :-D) devi prevedere anni e anni di fatica, tanto più ora che le vacche grasse sono finite.
IN BOCCA AL LUPO..
:
scusa se sono stato lungo..
:
#d.n.a_ assolutamente, non sei stato "lungo"! :)
per quanto riguarda i tuoi punti, anche io credo che "siamo" troppi, ed infatti sconsiglio a tutti di iscriversi ad Architettura. forse meglio fare dei corsi più specifici, se proprio si vuole entrare nel settore.

Ho capito sin da subito che in 6 anni di corso, l'università non mi ha insegnato niente, tanto che adesso che sto preparando l'esame di stato mi sento una impedita, e la cosa è alquanto frustrante.

Guarda, io dal primo studio andai via soprattutto perchè l'Ing.Capo mi trattava con una insufficienza assurda, tanto che quando mi chiese di pulirgli gli occhiali me ne andai via. Per me fu una brutta cosa... cioè, ti senti veramente trattata come una schiavetta. Addirittura il geom. che lavorava da lui gli faceva anche da maggiordomo, gli comprava il pane, gli accendeva i termosifoni la mattina presto..il tutto per 800euro al mese. ed io non sarei rimasta lì neanche se mi avesse insegnato il mestiere!

Ciononostante credo che il ragionamento sia come il cane che si morde la coda. se non ho la possibilità di inserirmi in uno studio (nei due nel quale ho lavorato sono andata su raccomandazione e sono gli unici del mio paese), come faccio a fare esperienza? ... va beh, chiudo qui, mi sta salendo l'ansia...

#dafor_ congratulazioni per il cliente! :D

Buona giornata a tutti!
:
Mi scuso, pesavo che Marzia=dafor...
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.