Vendita Terreno su cui grava Uso Civico

messaggio inserito martedì 22 luglio 2014 da Luca

Luca : [post n° 345355]

Vendita Terreno su cui grava Uso Civico

Gentili colleghi,
un committente mi ha chiesto di risolvere una sua situazione un po "spinosa".
E' proprietario di circa 2500 mq di terreno su cui gravo un uso civico.
Ora vorrebbe vendere i terreni ad un privato ma il notaio gli ha detto che prima di poter fare un atto di compravendita l'oggetto della compravendita (i terreni) devono essere liberi da uso civico.
Il committente quindi mi chiede qual'è la procedura per togliere gli usi civici dai terreni.
Ho letto che per fare ciò il proprietario deve versare un canone al comune di appartenenza del bene oggetto di studio oppure versare i canoni in un unica soluzione (affrancamento) per avere pieno diritto di possesso del bene.

Qualcuno di voi può aiutarmi a capire come muovermi per far avere al committente delle notizie maggiormente certe?
Grazie
ivana :
ti consiglio di rivolgerti alla regione/comune di competenza. In un caso che conosco la competenza era della regione che ha richiesto un "riscatto" e poi chiaramente voltura al catasto. Non so se è necessario l'intervento del notaio.
Luca :
Credo sia necessario intervento del notaio ma anche del Perito del Demanio, figura iscritta in appositi elenchi regionali. Non so se sono proprio questi periti che devono portare avanti la pratica.
Indirizzerò il committente verso uno di questi periti in zona (ha già contattato la regione).
Grazie
Luca
ivana :
nel caso che io conosco non c'era bisogno del perito del demanio...ma penso dipenda dalle regioni.
Giulia :
Ciao, posso risponderti con certezza perchè anche io sto per vendere un terreno che era gravato da usi civici. Intanto credo che anche se gravato da usi civici sia comunque vendibile, se è stato già legittimato (il nostro terreno già legittimato è passato tranquillamente in eredità). La legittimazione è il procedimento tramite il quale il comune autorizza un privato ad utilizzare un terreno di propria proprietà (il privato diventa livellario).
Nel caso sia stato già legittimato la procedura per l'affrancazione è abbastanza semplice, basta inoltrare al Settore Patrimonio del Comune richiesta di affrancazione, il comune ti dirà il canone da pagare per affrancarlo (che sarà una cifra bassa in quanto si basa sul canone di enfiteusi/livello che pagava un tempo il privato). Nel mio caso stando dietro al Comune in pochi mesi ho ottenuto l'affrancazione.
Se invece non è legittimato la pratica di affrancazione è molto più lunga perchè deve passare dalla Regione, verrà quindi il perito a visionare il terreno per vedere se è conforme al catastale e potrebbero passare anche anni. Intanto dovresti informarti con il cliente se il terreno è già legittimato o no.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.