Fare pubblicita' a studio di interni

messaggio inserito giovedì 31 luglio 2014 da Fabio

Fabio : [post n° 345892]

Fare pubblicita' a studio di interni

Buongiorno a tutti,
collaboro con un studio di interior design che ha sede all'estero. Hanno desiderio di approciare la facoltosa clientela italiana che sta comprando case all'estero nel paese dove ha sede questo studio, e vorrebbero sapere se esitono canali per farsi pubblicita'.
Io sono rimasto al fatto che agli studi di architettura e' vietato farsi pubblciita', ma di fatto questo e' uno studio di interior design e per di piu' con sede all'estero.
Avete delle indicazioni da darmi?

Grazie
Fabio
Fabio :
PS: non sono lo stesso Fabio di alcuni post qui sotto.
lori :
Ciao Fabio,
si può fare pubblicità purché sia informativa e veritiera.
Vanno bene cartoline, dépliant, siti web ecc

Ti riporto l'art. 36 del codice deontologico degli architetti & Co:

1. È ammessa con ogni mezzo la pubblicità informativa avente ad oggetto l’attività delle professioni regolamentate, le specializzazioni, i titoli posseduti attinenti alla professione, la struttura dello studio professionale e i compensi richiesti per le prestazioni.
2. La pubblicità informativa di cui al comma 1 dev’essere funzionale all’oggetto, veritiera e corretta, non deve violare l’obbligo del segreto professionale e non dev’essere equivoca, ingannevole o denigratoria.
3. Il Consiglio dell’Ordine potrà verificare o monitorare le campagne pubblicitarie effettuate dagli iscritti al fine di accertare il rispetto dei suddetti criteri.
Fabio :
Ho visto quell'articolo, ma penso riguardi solamente gli iscritti all'ordine degli architetti. Nel caso specifico sto parlando di una societa' straniera che non ha e non avra' nessun contatto o legame con l'Italia.

Loro pensano ad un vero e proprio box pubblicitario su riviste e/o pubblicazioni.
lori :
Scusami. Ho risposto alla tua affermazione "io sono rimasto al fatto che agli studi di architettura è vietato farsi pubblicità".
Nel caso specifico, sinceramente non vedo il problema. Forse pecco di superficialità?
Perché non potrebbero inserire box pubblicitari su riviste? Reputo comunque importante che seguano il principio di "veridicità": il potenziale cliente deve essere informato correttamente (deve sapere con chi ha che fare e i servizi offerti). Insomma, la pubblicità non deve essere ingannevole né deve screditare qualcuno:

Alle :
mi pare che il decreto bersani oltre a togliere i minimi da la possibilita' di farsi pubblicita' adesso
Fabio :
Grazie.
E' naturale lori, che verrebbero pubblicizzat servizi realmente offerti. :)
Lo studio ha gia' un'ottima nomea, e vorrebbe ampliare il loro raggio di azione.
Alle :
scusa ma poi e' uno studio di interior design che c'entra con la deotologia dell'ordine degli architetti? secondo questi sono all'estero che vui che gli freghi della deontologia dell'ordine degli architetti italiani
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.