HELP MEEEEEE

messaggio inserito martedì 16 settembre 2014 da pina_84

pina_84 : [post n° 347630]

HELP MEEEEEE

Salve a tutti avrei bisogno di un consiglio: tra due giorni ho l'atto per l'acquisto della mia prima casa. si tratta di una bifamiliare (due appartamenti in tutto) io acquisto l'appartamento al primo piano, mentre quello al piano terra verrà acquistato a dicembre (nel senso che faranno l'atto a dicembre) ma i futuri proprietari hanno gia' fatto un preliminare di vendita e quindi hanno gia' iniziato a fare i lavori di ristrutturazione. Il mio problema è questo: siccome era una abitazione familiare (genitori vivevano sotto e il figlio sopra) le utenze di gas e acqua erano in comune e quindi un solo contatore. Ora quello che sta facendo i lavori sotto si è appropriato del contatore dell'acqua (il quale si trova nella sua taverna) lasciando me fuori (e quindi devo rifare i lavori per crearne uno nuovo) e si è appropriato anche del tubo principale del gas, lasciandomi fuori anche su questo. La mia domanda è: visto che dall'inizio si è parlato di dividere le utenze però lui ad oggi si è appropriato di tutto senza informarci su niente, posso io fare qualcosa per rimediare??? visto che poi questo giovedì io divento proprietaria dell'immobile di sopra mentre lui per ora ancora non lo è????? grazie mille a chi saprà rispondermi
ivana :
Questo dipende da cosa si è pattuito nel compromesso (registrato!).
john :
Quello che mi chiedo è come mai due appartamenti regolarmente separati abbiano utenze in comune. Comunque indipendentemente da questo, se la tua unità immobiliare è regolare sotto tutti gli aspetti sperò avrà gli impianti separate e di conseguenza dovrai per forza chiamare gli enti e creare nuove utenze (gas, acqua, telefono, elettricità) ognuna con il contatore dedicato e relativo alla tua unità immobiliare....

Conta poco che i contatori siano nella sua taverna visto che sono proprietà dell'ente erogante e sopratutto la norma vuole che vengano messi all'esterno. Sarà cura dell'ente competente indicarti come e dove intervenire per poterti garantire l'allaccio.
fulser :
ma il venditore cosa dice?
kia :
ma io parlerei con il venditore prima di mettermi a fare richieste per nuovo contatore. Secondo me l'azione doveva essere concertata tra te (in realtà tu non hai ancora rogitato quindi c'è ancora il venditore) e quello dell'altra casa ....perché non mi pare proprio normale in questo caso la legge del "chi primo arriva, prima alloggia" e si frega il contatore.
Valy :
Anche io sono d'accordo con Kia, è un problema tra lei e il venditore... Come dice John se sono due appartamenti distinti e separati il venditore deve vendere con due impianti distinti e separati compresi i contatori, secondo me dovrebbe avvisare anche il notaio di questo e minacciare di far saltare il rogito se il venditore non le sconta almeno il costo per far mettere un contatore (nella mia città sono circa 500 euro) o nel peggiore dei casi, dividere completamente gli impianti e mettere, contatori, caldaia etc (costi che possono aggirarsi per tutto anche attorno ai 5mila). in bocca al lupo
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.