Quale corso formativo scegliere per avere uno sbocco professionale?

messaggio inserito giovedì 9 ottobre 2014 da Alex

[post n° 349132]

Quale corso formativo scegliere per avere uno sbocco professionale?

Buongiorno a tutti,
mi sono laureato in architettura 7 anni fa e ho avuto la fortuna di lavorare come collaboratore in uno studio, facendo un po' di tutto ma prevalentemente disegni esecutivi. Ora per la crisi mi trovo praticamente senza lavoro e sono nel PANICO. Sono su una nave in mezzo alla tempesta e non so da che parte dirigermi.
Cosa mi consigliate di fare per trovare impiego e rendermi comunque più "appetibile"?
Pensavo di seguire un corso di formazione, magari tra questi:
- corso base sulla sicurezza di 120 ore;
- per imparare un programma BIM (tipo REVIT);
- di inglese tecnico per andare all'estero;
- sulla bio architettura e l'architettura del legno;
- sull'interior design.
Altre consigli?

Grazie di cuore a tutti.
:
Ciao Aex, secondo me l'interior desig in questo momento va molto di moda, quindi potrebbe esserti utile, e quindi di conseguenza fare un corso su qualche programma di modellazione e render che serve per spiegare al meglio i tuoi progetti.
per quanto riguarda la Sicurezza è sempre utile farlo perché serve sempre, l'unica cosa che devi saper che la materia è molto importante a livello sia competenze (una piccola svista, anche fatta in buona fede può costare una vita nella peggiore delle ipotesi) che di responsabilità (in molti campi). Tra l'altro, per poter esercitare bisogna avere della documentazione che certifica che tu hai affiancato qualcuno in questo settore (che ne so il tuo vecchio capo svolgeva questo compito e tu hai seguito con lui dei lavori e te lo può certificare) e, infine, c'è un aggiornamento obbligatorio quinquennale che ti serve se vuoi svolgere questo tipo di professione.
Per l'inglese dipende dalla tua vocazione, o cmq da quello che vorrai fare tu (per esempio appunto andare via dall'Italia)
A mio avviso, infine, qui in Italia Bioarchitettura e architettura in legno sono solo paroloni per riempirsi la bocca... da noi non c'è ancora questo tipo di cultura, quindi se a te interessa la materia allora è bello e sempre utile ampliare le proprie conoscenze ma se ti serve per la pratica allora...tempo e denaro sprecato...
magari fai un corso per certificatori energetici o se ti piace la materia per restauratori (io per esempio lo trovo interessante).
In bocca al lupo :-)
:
Grazie Valy di esserti presa a cuore il mio messaggio.
Ho visto che c'è un corso da 120 ore sulla sicurezza a 1.000 euro nella mia provincia. Non è poco ma penso che i prezzi siano quelli. Sì, anche quello di interior design lo trovo interessante.
Crepi e buona giornata,
Alex
:
Inglese tecnico per lavorare all'estero.
:
Ciao Alex, niente panico. Intanto se hai lavorato in uno studio per 7 anni e facevi un po' di tutto, immagino che se ti capitano dei lavori tuoi li saprai affrontare. Se hai una p.iva già aperta per quando lavoravi nello studio è il caso di usarla. Spargi la voce tra parenti e amici: tutti hanno lo zio o il cugino che ha fatto pasticci in casa e ha bisogno della cila in sanatoria piuttosto che l'ape.
Per quanto riguarda i corsi, io farei quello della sicurezza. Te lo dico perché è da anni che lo vorrei fare ma qua in studio mi mettono i bastoni tra le ruote, quindi me la sono tenuta come opzione se resto senza collaborazione con detto studio. C'è stata più di un'occasione in cui mi sarebbe servito ma ahimè non lo avevo fatto....
:
Grazie a tutti per i validi consigli, sono sempre ben accetti. Proverò a fare il corso della sicurezza, sperando così di essere più appetibile anche per le imprese.
Nel fare il libero professionista purtroppo non ci credo più molto. Zero certezze, tante responsabilità e spese, poco ricompensate dalle nuove offerte di collaborazione al ribasso che mi sono giunte da studi tecnici.
:
Scusate ma un architetto laureato da 7 anni e che ha fatto anni di pratica in uno studio ha bisogno di fare un corso per fare l'Interior Designer?
Cioè ma non scherziamo! Un architetto laureato è padrone dell'Interior Design già di suo. Il corso a limite può essere fatto per imparare a Renderizzare anche se ci sono talmente tanti tutorial online che non è indispensabile fare corsi per fare rendering...basta cercare un po online, studiare e con 2 mesi riesci a tirare fuori render più che sufficienti.

Sicuramente l'unico corso veramente indispensabile è la sicurezza, per il resto sono tutti corsi che non cambierebbero di una virgola la tua attuale situazione che è la situazione del 90% degli architetti italiani.
:
luca, io conosco gente che lavora da ben + anni ma nn ha idea di come si progetti un mobile....e non sto parlando della forma ma dei materiali e degli accorgimenti vari/trucchi da falegname, semplicemente perchè si è occupato d'altro.
:
Quoto Luca. Anche perchè puoi pure diventare un "masto" dell'interior design ma quello che serve è avere un certo tipo di committenza. La mitica sciura Maria non chiamerà mai un arredatore per decidere come disporre i mobili, ma ne avrà per forza bisogno per fare un accatastamento, un'ape, o cmq una pratica edilizia.
Se invece uno è inserito in un certo giro e non ha problemi a trovare committenti, allora ben venga il corso.
:
Ciao kia, io parlavo di architetti "curiosi". Ovviamente se uno è architetto da 10 anni e non si è mai posto il problema di capire come una falegnameria realizza un "premi e apri" sull'anta di un mobile oppure come una falegnameria realizza una smussatura a 45° sui bordi di un anta...è chiaro che ci si deve formare.

Però obbiettivamente queste mi sembrano un po le cose base che un architetto dovrebbe sapere anche se non lavora nel settore delle macchine a controllo numerico di falegnameria oppure nell'interior design in generale anche perchè con 10 anni sarà capitato almeno 1 progettino in cui bisogna disegnare una parete attrezzata in legno? Una libreria? E in questi casi una minima documentazione in materia uno la fa!

Da qui a dire che un architetto con una laurea (magari magistrale) deve seguire un corso di "interior design" mi sembra veramente svalutare la nostra professione. Diverso il discorso per altri tipi di corsi tipo quello del "Tecnico Competente in Acustica Ambientale", molto interessante e formativo.

Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.