Stato di fatto e stato di progetto.

messaggio inserito martedì 14 ottobre 2014 da Emma980

[post n° 349426]

Stato di fatto e stato di progetto.

Ciao a tutti, espongo la questione.
Trattasi di casa a schiera con resede e ripostiglio esterno in fondo a resede. Tale ripostiglio è stato ampliato nel 1980 con regolare concessione edilizia. Progetto alla mano mi rendo conto che è difforme nel prospetto: oltre una finestra c'è anche una porta, inoltre il tecnico dell'epoca sbagliò i calcoli di volume e superficie poiché erroneamente segnò la misura trasversale del lotto 1 metro in più...quindi il progetto depositato è anche sbagliato. Ho verificato in archivio la pratica e non risultano varianti.

E' seccante, ma la condizione è questa.. Il tecnico ci ha detto che va fatta un' attestazione di conformità urbanistica ma non ci ha minimamente parlato di oneri, spese, ecc... qualcuno di voi è in grado di darmi un'idea, seppur vaga, dei costi a cui si va incontro?
Grazie in anticipo.
:
...Attestazione di conformità urbanistica...Forse stiam parlando dell'accertamento di conformità per "sanare" l'opera difforme (Art. n° 37/DPR 380/01)... Per i costi, (sia del tecnico che degli oneri comunali e/o concessori) deve obbligatoriamente affidarsi ad un tecnico del posto che possa aiutarla nello studio di fattibilità dell'intervento...Purtroppo non sapendo di che comune parliamo, e di quale strumento urbanistico si dota lo stesso, non possiamo sbilanciarci nel quantificare economicamente tutta la faccenda!
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.