catasto e titolo edilizio - rapporti con proprietario - aiuto!

messaggio inserito mercoledì 3 dicembre 2014 da Clararch

[post n° 352770]

catasto e titolo edilizio - rapporti con proprietario - aiuto!

Ciao a tutti!
situazione: ristrutturazione appartamento con regolare cil, vado per fare l'accatastamento per la fine lavori e scopro che tra cantina e garage (non sede di intervento ma facenti parte medesimo sub) c'è una porta non segnata nello stato catastale attuale nè nel titolo edilizio precedente (anche se è sempre stato così dalla "nascita").
regolarizzare la situazione dal punto di vista dei permessi in comune è molto complicata perchè sarebbe necessaria porta REI ecc... per l'anticendio (dato che è un garage anche se utilizzato da magazzino) con considerevoli costi...
che fare?
il proprietario vorrebbe che io facessi la variazione catastale così com'è la situazione attuale sperando che in comune non si accorgano che la situazione in cantina non torna dato che la cil è solo per il piano dell'appartamento e quindi non si vede la cantina (cioè per scoprirlo dovrebbero andare a prendere la pratica precedente di 50 anni fa)
lui spinge per questa soluzione, cosa posso contro proporgli? il ripristino dello stato precedente sarebbe la cosa più ovvia anche se dovrebbe pagarsi la chiusura della porta che tanto riaprirebbe tra 2 mesi senza dire niente nessuno....
AIUTO! grazie!
:
accatasti lo stato di fatto, facendo firmare al proprietario una dichiarazione dove NON ti da incarico di verificare la regolarità urbanistica e che NON ti da incarico per una eventuale sanatoria. Che tu l'hai edotto di tutte le conseguenze penali e civili nel caso di mancata regolarità urbanistica
:
Non sono per niente in accordo con voi...
Non ripristinerei la porta e non accatasterei solo ciò che è stato autorizzato....
Se il proprietario vuole accatastare la variazione sarà consapevole che deve prima presentare richiesta in municipio.
Comunque la porta REI non è necessaria perchè non devi chiedere un nulla osta per l'antincendio. Devi presentare un'altra cila in sanatoria questa volta. E non stiamo parlando di costi esorbitanti.
:
grazie ma...

l'accatastamento devo farlo congiunto di appartamento e cantina perchè sono lo stesso sub....se no eviterei di prendere in mezzo la cantina e sarebbe tutto a posto....

sono andata a chiedere all'ufficio tecnico del comune e mi hanno detto che serve pratica antincendio + 1000 euro per la sanatoria...

:-(
:
ma mica ho detto che deve accatastare lo stato autorizzato...deve accatastare lo stato di fatto!
:
grazie ivana, rispondevo a riccio in merito
:
anch'io rispondevo a riccio...
:
ho riparlato con il proprietario e vuole accatastare lo stato di fatto senza denunciare le variazioni in comune. Come tecnico posso veramente depositare la variazione catastale senza andare a verificare lo stato legittimo della cantina? considerando che invece per l'appartamento ho verificato lo stato legittimato per fare la cil....quindi io dovrei essere a conoscenza dello stato legittimato..
...stando così le cose ha senso depositare la variazione catastale o "deontologicamente" dovrei rifiutarmi in quanto il proprietario non vuole regolarizzare lo stato in comune?
:
l'accatastamento non ha nulla a che fare con la regolarità edilizia, è una denuncia ai fini fiscali. Se il committente non ti incarica di verificare la legitttimità urbanistica e non ti da incarico di sanare va da se che tu puoi solo accatastare lo stato di fatto. Ma questo deve essere chiaro nella lettera di incarico in cui deve essere specificato quanto ti ho scritto sopra.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.