Consiglio Università Architettura

messaggio inserito martedì 12 luglio 2016 da Federico

Federico : [post n° 383856]

Consiglio Università Architettura

Salve, sono uno studente appena diplomato quest'anno come geometra e avevo intenzione di iscrivermi alla facoltà di architettura, il problema è che tra qualche giorno parto per uno stage all'estero di tre mesi Erasmus+ e non faccio in tempo a rientrare per sostenere l'esame di ammissione ad architettura. Per non perdere un anno volevo sapere se magari è possibile fare i primi 3 anni ad ingegneria civile, dove non c'è il numero chiuso e poi fare +2 concludendo con architettura. Secondo voi è una cosa fattibile o che comunque conviene ? O rischio di arrivare li ed avere decine di esami da recuperare ad architettura?

Grazie dell'attenzione.
Mate :
Non proprio.
O meglio si, ma alla fine dei tre anni prima di ammetterti in magistrale avrai molti debiti formativi, il che significa che ti faranno frequentare tutti i laboratori che a ing non hai fatto. E sono tanti, probabilmente richiederebbero più di un anno
Se sei sicuro di voler fare architettura ti consiglio di fare direttamente architettura l'anno prossimo.
Non so come funzioni negli altri atenei,ma a Milano puoi frequentare i corsi singoli senza essere dentro un vero corso di laurea. Una volta entrato ad architettura quegli esami ti saranno scalati da quelli rimanenti alla laurea.
Lorenzo :
Rimani geometra. Non fare architettura, non rovinarti, il diploma che hai è più che sufficiente per lavorare e vivere bene.
blabla :
Idem come sopra, NON FARE ARCHITETTURA, sei ancora in tempo per salvarti.
Astor :
Mi aggiungo a quanti scrivono sopra, solo mi stupisco che esistano ancora persone che vogliono laurearsi in architettura.
Federico :
Avete reso abbastanza bene l' idea.... penso di aver trovato una valida alternativa compatibile con il mio viaggio e che mi permette anche di fare l'abilitazione da geometra dopo i corsi. www.its-energiaeambiente.it/it/corsi-biennali-its/tecnico-edilizia-s…#

Comunque grazie a tutti per i pareri, architettura sarebbe stata una scelta legata un po' alla passione per il disegno, magari un po' fuori dagli schemi.
fulser :
ah beh, tanto da architetto disegneresti pochissimo.
Conosco architetti che non hanno più tenuto una matita in mano dopo la laurea.
lori :
"Gli architetti non disegnano...contano e scrivono relazioni!" Questo era ciò che diceva il figlio dei miei ex capi (moglie e marito) alle sue maestre. Effettivamente è vero. Si passano le giornate a compilare documenti, relazioni, computi e a leggere normative.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.