Destinazione d'uso

messaggio inserito martedì 6 settembre 2016 da desnip

desnip : [post n° 385930]

Destinazione d'uso

Cosa succede se in un locale si esercita un'attività diversa da quella prevista dalla destinaizone d'uso? Ad esempio si affitta un ufficio come abitazione, un laboratorio come negozio, ecc., registrando un regolare contratto all'AdE?
john :
Bella domanda, premesso che mi è capitato solo per un ufficio utilizzato come abitazione ci sono considerazioni dal punto di vista fiscale e urbanistico. Anche io ho avuto il dubbio ma alla fine il proprietario decise per il cambio d'uso in comune ma più che altro per pagare meno tasse e quindi non abbiamo più approfondito.

Posso dirti però che prima di questa decisione alcuni consulenti (sopratutto commercialisti) gli dissero che era un abuso e che un eventuale contratto sarebbe stato nullo, che gli eventuali inquilini non avrebbero potuto prendere domicilio etc etc, altri gli hanno detto che invece un A/10 non ha problemi ad essere affittato come abitazione salvo dichiararlo nel contratto in quanto un cambio d'uso funzionale di fatto e non avrebbe creato problemi.

Per me rimane dal punto di vista tecnico un abuso e probabilmente se denunciato potrebbe e dovrebbe incorrere in sanzioni, rimane però un mio parere.
ArchiFra :
è un abuso e quindi sanzionabile con la sospensione dell'attività commerciale o il divieto di residenza, più sanzioni pecuniarie
desnip :
Grazie.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.