Varianti non sostanziali. Lavori minori

messaggio inserito giovedì 18 gennaio 2018 da Domus

[post n° 404845]

Varianti non sostanziali. Lavori minori

Ho un dubbio dopo un consulto con l'Ingegnere.

Dopo che lo stesso ha redatto un progetto strutturale che prevede la realizzazione di un balcone con profili Ipe e Tavelloni e di un Tetto Ventilato su Muratura Portante in Tufo, durante i lavori, mi chiedevo, essendo io Progettista & Direttore dei Lavori, se non si potesse optare per dei materiali più leggeri.

Nella fattispecie, ho consigliato di posizionare Lamiera Grecata sulle Putrelle del Balcone in Acciaio al posto dei Tavelloni e di optare, al posto della muratura portante, spessore 40 cm, in blocchi di tufo giallo con Laterizio Portante Poroton 800, il che dimezzerebbe il peso della muratura.

Ora, siccome il collega dice che, effettivamente, questa scelta Progettuale determina un alleggerimento ed un miglioramento, lo stesso sostiene sono lavori considerati minori, come una variante non sostanziale.

Domanda: Siccome non riesco a trovare la legge in merito, cosa prevede la legge nel caso in cui questa variante non venga aggiornata al Genio Civile ? Cosa rischio io in qualità di DL e Progettista ?



:
Le varianti minori (non sostanziali), sono quelle che non modificano il volume dell'edificio e non interessano la struttura. In questo caso la tua variante prevede delle modifiche strutturali e, quindi, è una variante sostanziale. Seppur possa essere vero che andresti ad alleggerire la struttura, qualcuno si deve calcolare e verificare che la nuova soluzione resista ai carichi a cui è sottoposta la struttura e se ne assuma la responsabilità firmando un progetto.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.