Cambio di destinazione d'uso in corso d'opera

messaggio inserito martedì 10 luglio 2018 da arch.paolo

[post n° 410743]

Cambio di destinazione d'uso in corso d'opera

Salve colleghi,
ho redatto una CILA (di cui sono anche il direttore dei lavori) per lavori di ristrutturazione di un locale avente destinazione d'uso residenziale. In corso d'opera, a metà lavori eseguiti, il proprietario ha deciso di destinare il locale a laboratorio di pasticceria, come bisogna procedere con la pratica in corso?

grazie
Paolo
:
Bella domanda. Ovviamente di fronte a un cambio d'uso urbanisticamente rilevante si aprono le possibilità di SCIA, SCIA alternativa o PdC ma non di CILA. Escludendo quindi la cd. "variante a CILA inc orso d'opera", io - ma attendo conforto dai colleghi - farei una fine lavori parziale con nota esplicativa delle condizioni verificate in modo da comunicare all'u.t. l'as built, poi procederei alla presentazione della nuova pratica.
:
IL CAMBIO DI destinazione non è una comunicazione ma una richiesta che può incorrere in motivi ostativi. non è peraltro detto che il pgt ammetta il cambio d'uso per quella unità che da A deve diventare un C
:
Io vorrei chiudere la CILA anche con lavori non finiti e poi eventualmente aprire un'altra pratica (che probabilmente non sarà redatta da me), è possibile?

grazie
Paolo
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.