Impresa individuale - collaboratori

messaggio inserito sabato 15 settembre 2018 da comintuno

[post n° 412377]

Impresa individuale - collaboratori

Buongiorno, un'impresa individuale (elettricista) a cui sono stati commissionati lavori di manutenzione straordinaria (ristrutturazione con rifacimento impianto elettrico, bagno e pavimenti) con regolare presentazione CILA in cui l'impresa compare come ditta esecutrice dei lavori, può eseguire i lavori avvalendosi di collaboratori/lavori autonomi non suoi dipendenti? Se si, quali sono gli obblighi a carico del committente? Devono essere dichiarati in CILA tutti gli eventuali collaboratori/lavori autonomi? Grazie
:
Attenzione che l'impresa individuale può avere dipendenti, se parli nello specifico di un Lav. Autonomo;
No a rigor di legge (che è diversa poi da quanto accade in pratica)
Definizione di lavoratore autonomo aiuta a togliere dubbi: "Persona fisica la cui attività professionale contribuisce alla realizzazione dell’opera senza vincolo di subordinazione ed in maniera autonoma"
se si avvale di collaboratori, e tanto più se questi usano strumenti e materiali dell'impresa individuale, decade quindi quel vincolo di subordinazione e si trasforma in una impresa di fatto, con tutti gli annessi.

Un modo sarebbe che il committente scorpori determinati lavori direttamente agli altri lav. autonomi es uno fa impianto idraulico, uno piastrella e uno l'elettrico, e ci sia un appalto diretto tra committente e loro.
L'altro che l'impresa assuma temporaneamente gli altri lav. autonomi (Circolare del Ministero del Lavoro n. 16 del 04 luglio 2012), ma capisci che può costagli più del guadagno del lavoro dovendo assolvere a tutte le richieste a capo di una impresa con dipendenti (DVR, formazione, corsi), andrebbe quindi valutata la tipologia e durata lavoro per capire se ne vale la pena.

Invece il subappalto del lavoratore autonomo ad altri lav. autonomi, non sarebbe possibile, questo a rigor di legge, ma nella realtà è pratica comunque farla soprattutto nei piccoli lavori.
A carico del committente c'è sempre la verifica del'idoneità tecnica professionale, in caso di ispezione potrebbe essere sanzionata per mancata verifica, se sei solo Progettista e D.L tu non devi valutare la ITP che è un obbligo del committente, se informi il committente del rischio e decide comunque di procedere, limitati a mettere il nome dell'Impresa individuale "principale" nella cila

:
Se i collaboratori sono degli autonomi si, può farlo, e nella cila non dichiari niente e non fai notifica preliminare ne psc. Ma ogni autonomo DEVE essere VERAMENTE autonomo cioè lavorare DA SOLO con SUA attrezzatura secondo suoi orari in maniera indipendente dall'altro.

Comunque se chiamavi UN'IMPRESA EDILE NORMALE con dipendenti e poi chiamavi l'elettricista autonomo, li inserivi entrambi nella cila e non facevi notifica preliminare ne PSC in quanto risulta una sola impresa.

Saluti
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.