Cambio destinazione d'uso stessa categoria (D) e oneri

messaggio inserito giovedì 18 ottobre 2018 da Gianni

[post n° 413958]

Cambio destinazione d'uso stessa categoria (D) e oneri

Ciao siccome il cambio di destinazione d'uso per la stessa categoria è sempre possibile, vorrei sapere se è da considerarsi urbanisticamente rilevante. La categoria è D/8 e dovrebbe passare a D/1. Se è rilevante sono previsti oneri di urbanizzazione/costruzione?
Poi, siccome si dovrebbe realizzare una tramezzatura non portante e una struttura a se prefabbricata interna, basta una scia (al SUEP)?
Chiedo a voi, ma nel frattempo sto aspettando la risposta dal suep
:
Ciao Gianni, catasto e edilizia viaggiano su binari diversi. Il catasto è vocato a meri fini fiscali, è altra cosa e viene di conseguenza alle operazioni edilizie e urbanistiche. Quando si dice che il cambio d'uso "è sempre possibile all'interno della stessa categoria", si intende categoria funzionale, non categoria catastale. Quando si cambia categoria funzionale, il cambio è urbanisticamente rilevante, peché aumenta il cd. "carico urbanistico" dell'insediamento, ovverosia il peso dell'inserimento nel tessuto urbano in termini di presenze umane, di mezzi, parcheggi, ecc., Nel tuo caso, si passa - sembra, ma bisognerebbe conoscere la destinazione d'uso dell'immobile - da commerciale a un industriale, quindi si profila un cambio di categoria, anche se in "downgrade".
Vedi anche:
[post n° 413679]
Fa riflettere che l'argomento torni quasi ogni giorno su questo forum.

:
arch_mb, in effetti... L'articolo è stato utile. Credo di aver trovato la retta via. Grazie.
:
Buon lavoro!
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.