ARCHITETTI E PROGETTAZIONE STRADE

messaggio inserito giovedì 25 ottobre 2018 da Marcello P.

[post n° 414214]

ARCHITETTI E PROGETTAZIONE STRADE

Salve a tutti, un comune vuole affidare la progettazione di manutenzione straordinaria di una strada comunale rurale (fuori ambito urbano) ad un architetto ed un geometra. A me pare molto strano, perchè da quello che so gli architetti non possono firmare progetti di viabilità, e penso ancor meno un geometra. Le opere riguardano rifacimento del manto, parti di muri di sostegno del tracciato, calcoli armature con pratiche al genio civile. Secondo voi un architetto può firmare progetti di questo tipo?
:
si
:
Sì, io ho avuto incarichi di questo tipo e anche altri architetti che conosco.
:
certo che si!
cerchiamo di diffondere anche la notizia che da sempre gli architetti possono firmare le stesse identiche cose che firmano gli ingegneri per cortesia!
anzi se esiste una limitazione nella firma dei progetti riguarda proprio gli ingegneri che non possono firmare interventi su opere soggette a vincolo della soprintendenza per i quali c'è l'obbligo di firma da parte di un architetto.
la laurea magistrale in architettura prevede nel piano di studi numerosi esami del settore strutturale/geotecnico (gli stessi che sostengono gli ingegneri...). Poi è prassi comune che gli ingegneri si specializzino nel campo strutturale e su questo non si discute.
E' chiaro che il post è rivolto all'utente profano.....
:
@ivodivo...forse al buon ivodivo sfugge un piccolo particolare...che con la riforma dei piani di studi ad oggi potrebbero esser equiparate alcune competenze tra Arch. e Ing. ...ma gli Ingegneri vecchio ordinamento possono firmare TUTTO lo scibile relativo a ciò che ci circonda in quanto avevano/hanno competenze in tutti e tre i settori (settore civile/ambientale-industriale-informazione)...la sola distinzione si ravvede solamente nelle competenze sul campo storico-artistico a favore degli Architetti....mentre gli Ingegneri hanno competenze maggiori sugli impianti e le infrastrutture...
:
Grazie per le risposte. Non sono un utente "profano" ma solo un un giovane professionista a cui capita per la prima volta un progetto del genere. Ho cercato informazioni, ed ho trovato sentenze che facevano riferimento ad una norma del 1925, per la quale era escluso agli architetti progettare infrastrutture e viabilità se non strettamente legate ad urbanizzazioni o a servizio di opere civili. Ma altre sentenze e circolari smentivano ciò. Ho scritto qui nel forum solo per avere un parere da colleghi con più esperienza e non di certo per diffondere notizie false o sminuire le nostre competenze. Ringrazio tutti.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.