DIRETTORE TECNICO PER CCIAA e SOA RISCHI e RETRIBUZIONE

messaggio inserito venerdì 14 dicembre 2018 da willy

[post n° 415952]

DIRETTORE TECNICO PER CCIAA e SOA RISCHI e RETRIBUZIONE

Buongiorno, nel 2012 mi viene chiesto da un impresa di fare da direttore tecnico con regolare contratto per un anno per partecipare alle gare. Dal 2012 ad oggi mi hanno richiesto saltuariamente i documenti per partecipare alle gare. Oggi scopro di essere dal 2012 il loro Direttore tecnico sia nel certificato della CCIAA e nel certificato SOA . Premesso che il titolare è un geometra e sul certificato SOA compare pure lui e che sul contratto l'art. 3 recita: " Il professionista per la carica di Direttore Tecnico, percepirà dalla Ditta l'importo complessivo annuo commisurato allo 0,50% degli importi dei lavori allo stesso affidati dall'impresa per l'attività di direzione tecnica di cantiere....".
Gradirei sapere in cosa incorro per l'attività svolta semplicemente sulla carta ( non mi è mai stato affidato un incarico dall'impresa come recita l'art. 3) e quanto dovrei chiedere come pagamento in quanto direttore tecnico dell'impresa.
:
Come puoi scoprire solo ora che sei indicato come direttore tecnico nella SOA??? Certo che sei indicato nel certificato! Hai letto la normativa in merito?

Essere direttore tecnico di un'impresa per partecipare alle gare implica, come minimo, che compari nei documenti, è evidente. Alle imprese serve un architetto o comunque una persona con i titoli adatti per essere DT; se non ne hanno al loro interno ne cercano uno, e da lì conseguono le responsabilità civili e penali.....
Poi, non so che tipo di contratto hai fatto con l'impresa; ma mi pare altrettanto ovvio che, se la percentuale dovuta è solo per le gare vinte, e magari non hanno vinto gare, non ti spettano pagamenti. Ma bisognerebbe sapere i dettagli del contratto.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.