barriere architettoniche-azienda collocamento obbligatorio

messaggio inserito mercoledì 20 febbraio 2019 da Maria C.

[post n° 418117]

barriere architettoniche-azienda collocamento obbligatorio

Buongiorno, sto affrontando l'ampliamento di un'azienda soggetta a collocamento obbligatorio sita in Veneto.
L'ampliamento è da realizzarsi in aderenza al fabbricato esistente, con ricavo di nuovi spazi per gli uffici disposti su due piani e collegati da una nuova scala. L'intervento non riguarda i servizi igienici presenti nel fabbricato esistente.
Il fabbricato attualmente è autorizzato con P.diC. 2008.

Il D.M. 236/89 art.3.3 prevede che in aziende con collocamento obbligatorio sia soddisfatto il requisito di accessibilità.
Dovrei quindi garantire che tutti gli spazi siano accessibili e anche un servizio igienico.

E' corretto o esiste altra normativa, anche regionale, che permette azioni meno restrittive?
Non andando ad intervenire sull'esistente restano invariate le condizioni già autorizzate...

Vi ringrazio anticipatamente

:
Ciao Maria. Una curosità: dici che il fabbricato è stato autorizzato con permesso del 2008, il DM 236/1989 era già in vigore e già prevedeva l'accessibilità per il C.O., forse all'epoca l'azienda aveva meno dipendenti o è stata interessata dal cambio soglia?
Poi. La normativa regionale è più restrittiva della nazionale, e rimane generica sul concetto di obbligo di adeguamento in caso di ristrutturazione - anche più generica del DM 236, limitadosi a richiamare, in premessa, la definizione di ristrutturazione da DPR 380/2001. L'interpretazione della norma nazionale mi sembra si sia sempre attestata sul concetto che nel momento in cui metto mano a una parte dell'edificio, attraverso interventi di ristrutturazione, quella parte deve essere accessibile/adattabile. Se si trattasse di un negozio aperto al pubblico di cui aumenti la superficie, non avrei dubbi sul fatto che tutti gli spazi di relazione e i servizi dovrebbero diventare accessibili; in questo caso, sicuramente la porizone ampliata deve essere accessibile, ma mi pongo un quesito per i bagni esistenti non interessati dalle opere. Uffici diversi potrebbero dare interpretazioni diverse alla norma, anche visti i pregressi locali. Dato che la cosa è delicata e soprattutto ti condiziona poi l'agibilità, ti suggerisco di chiedere un incontro con l'ufficio tecnico del comune.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.