Da veranda con copertura in tegole in veranda con copertura calpestabile

messaggio inserito venerdì 19 aprile 2019 da archAZ

[post n° 420632]

Da veranda con copertura in tegole in veranda con copertura calpestabile

Salve a tutti,
edificio realizzato a 30 metri dal mare in Sardegna. Vige il vincolo di inedificabilità assoluta. Secondo voi è possibile trasformare una veranda con copertura in tegole in una veranda con copertura calpestabile? In pratica sto andando ad aumentare le Superfici non residenziali e non il volume.
:
No, semplicemente no.
:
questo è il periodo evidentemente.
L'altro giorno un amministratore di immobile che affaccia su una delle piazze più prestigiose di Roma mi ha posto la stessa identica domanda, ma il bello è la premessa...: architè, visto che tu stai sempre in soprintendenza, che ne pensi, se po ffà?
E si, perchè solo per il fatto di mettere piede li automaticamente puoi fare quello che ti pare
:
30 m dal mare -> inedificabilità -> vincoli sia su S.N.R. che su S.R.
la veranda (se così la possiam chiamare) ha una sua precisa destinazione d'uso e delle precise unità dimensionali {m3 e m2}…tecnicamente le “trasformazioni” inglobano tutte e due le unità citate precedentemente dallo scrivente...non stiamo parlando di una fusione o di un frazionamento...quando tu parli di “trasformazione” io la intendo come un qualcosa che varia ANCHE nei volumi...ergo secondo me la “supercazzola” non ha fondamenta valide!
:
Come ho scritto, non ci sono volumi in aggiunta ma solo SNR. La veranda in descrizione è una tettoia in legno regolare. La tettoia a suo tempo è stata definita come veranda da qui la definizione usata. Il vincolo nei 30 metri riguarda un edificio non storico (posso modificare aperture per dire) e posso anche realizzare una bella piscina fronte mare "sempre senza fare volume". Posso anche realizzare dei vani tecnici volendo. In centro storico, se non seguendo abachi particolari, non si può aprire una finestra "ad cazzum". Ma la domanda riguardava solo la trasformazione di quella copertura da una copertura non praticabile a copertura praticabile (la terrazza è di per sè una copertura). Se la risposta l'inedificabilità assoluta comprende sia i nuovi volumi che le nuove superfici ok. Ma nel PPR si parla di volumi e da qui la mia domanda. Poi, il PPR parla anche di alterazioni di sagoma ma è un altro discorso.
:
@alessio e pensare che io mi creavo problemi per una MO al trullo!
:
@archAZ...ma io non parlavo di aggiunta ma di trasformazione!…se tu mi dici che vige l’inedificabilità assoluta ovvio che non potevo basarmi su un nuovo volume ma solo su una trasformazione...e la trasformazione edilizia in generale varia intrinsecamente sia volumi che dimensioni...poi la faccenda sta anche nel capire se vi è vincolo paesistico per cui una trasformazione, anche solo di una copertura, ti sia preclusa ancor prima della consultazione dello strumento urbanistico vigente...
@Alessio...stà bbono te che nun me c’hai fatto dormì 'na notte cor Trullo!
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.