110% superbonus: Parcella Architetto/Professionista

messaggio inserito mercoledì 21 ottobre 2020 da Giulia R.

[post n° 438524]

110% superbonus: Parcella Architetto/Professionista

Buonasera,

Mi trovo di fronte ad un progetto nel quale applicherò il 110%. La proprietà ha intenzione di cedere il credito all'impresa addetta ai lavori. Non mi è chiaro a chi dovrò presentare la parcella per i servizi svolti di progettazione e direzione lavori. La parcella dev'essere intestata all'impresa, la quale si farà carico di tutto?
Vi ringrazio per l'aiuto
:
rivolgiti al general contractor, è lui che se ne deve occupare
:
La parcella, così come il disciplinare d'incarico, deve fare riferimento a chi ti ha commissionato il lavoro. Se è l'impresa che offre un servizio chiavi in mano allora sarà a lei che dovrai fare riferimento viceversa dovrai tutelare e fatturare al committente privato.

La cessione del credito è indipendente al processo edilizio e dalla relative responsabilità e il titolare dell'incentivo decide cosa farne e a chi darlo in funzione di ottenere liquidità per pagare tutti i lavori. Il fatto che decida di cederlo all'impresa coinvolta nei lavori, oppure ad una banca, o all'amico Tizio, è indifferente.

In queste operazioni, soprattutto se poi sarai tu ad asseverare, vi conviene coinvolgere anche un commercialista fin da subito per organizzare al meglio tutti i passaggi fiscali e non lasciarli a capo dell'impresa.
:
Grazie mille per le Vostre risposte!
Vi auguro una buona giornata
:
Se l'impresa fa da general contractor puoi emettere la parcella a loro che ti va pagata normalmente. Se la emetti verso il cliente, questi te la può pagare subito e successivamente cedere il credito relativo al tuo costo alla banca o all'impresa, oppure chiederti lo sconto sulla tua parcella e tu cedere il credito che te ne deriva.
:
Superbonus 110%: le spese professionali non detraibili
Ci sono delle situazioni in cui le spese del professionista non rientrano nel superbonus del 110%.
In pratica, immaginiamo di chiamare un’impresa o uno studio professionale affinché venga fatta una valutazione di fattibilità delle opere da eseguire. Dopo il sopralluogo e la relazione, l’attività viene fatturata in un secondo momento per farla rientrare nell’ammontare complessivo di spesa degli interventi. In questo caso, hai la possibilità di portarla in detrazione al 110%.
Può capitare, però, che la fattura venga emessa subito, anche prima che tu decida di dare il via ai lavori. In questo caso, la spesa non è detraibile se l’intervento oggetto della valutazione professionale non viene effettuato.
Altra possibilità: che i lavori vengano fatti ma da un soggetto diverso da quello che ha emesso la fattura. In questo caso, la situazione non è chiara: si renderebbe necessario un interpello all’Agenzia delle Entrate.
Dovrebbero restare fuori (mancano, però, delle indicazioni ufficiali) anche le spese per regolarizzare o sanare eventuali abusi edilizi, così come le percentuali ricaricate dagli amministratori di condominio ed i costi finanziari, come ad esempio gli interessi pagati su un prestito ponte
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.