Pratica edilizia nuovo impianto termico

messaggio inserito giovedì 12 novembre 2020 da Arch_Luigi

[post n° 439349]

Pratica edilizia nuovo impianto termico

Buongiorno,
devo presentare una pratica per la realizzazione di un nuovo impianto termico in un edificio isolato. Il fabbricato passando da rurale a catasto fabbricati è stato accatastato in 2 sub: abitazione al primo piano in cat. A/3 e deposito al piano terra in cat. C/2. La casa non è riscaldata e l'intenzione del proprietario è quella di installare una caldaia a biomassa con impianto di emissione a radiatori. La pratica edilizia dovrebbe essere una CILA in quanto i lavori si dovrebbero configurare come manutenzione straordinaria, e se non sbaglio dovrebbe essere anche prodotta una relazione energetica ex legge 10. Il proprietario vorrebbe installare la caldaia al piano terra (sarebbe la soluzione più ovvia , soprattutto dal punto di vista funzionale) ma è un altro sub. Qualcuno sa dirmi se dal punto di vista burocratico sarebbe fattibile, e in caso come procedere? L'intenzione sarebbe anche quella di accedere all'ecobonus al 50% in quanto, solo per i generatori a biomassa, rientra la nuova installazione. Anche in questo caso come presentare la pratica? Ringrazio anticipatamente
:
Bisogna verificare come l'immobile è registrato in Comune.
:
Dal punto di vista tecnico sarebbe possibile installare il generatore in centrale termica, e questo evidentemente potrebbe anche essere compatibile con una diversa suddivisione dei vani C/2, sempreché il sub appartenga allo stesso proprietario (mi pare ovvio): aldilà del catasto che, ricordo, ha solo scopo e natura fiscale, bisogno capire se i locali considerati siano a tutti gli effetti asserviti all'abitazione principale, con vincolo di pertinenzialità.
:
fermo restando la possibilità in genere di realizzare ex novo un locale tecnico
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.