CHIUSURA LAVORI CILA

messaggio inserito martedì 27 aprile 2021 da Paolo

Paolo : [post n° 446228]

CHIUSURA LAVORI CILA

Buongiorno, sto per presentare chiusura avori di una CILA per ridistribuzione interna a Milano, dopo nuovo accatastamento.
successivamente alla chiusura, è necessario presentare altre pratiche? ad es. agibilità o altro (appartamento già precedentemente agibile e conforme sotto ogni punto di vista)
Grazie
Paolo
archspf :
A seconda della tipologia degli interventi eseguiti, si potranno richiedere, per interessamento del profilo energetico l'AQE e l'AGIBILITA', quest'ultima anche o semplicemente in relazione alla modifica delle condizioni igienico-sanitarie.
Marco :
Al termine di una ridistribuzione interna, che magari abbia anche toccato aspetti igienico-sanitari (ad esempio rifacimento del bagno), dovrebbe seguire una nuova richiesta di Agibilità.

Ma a Milano, alla mia domanda secca richiesta al SUE, hanno risposto che per interventi così piccoli non serve procedere con una SCA. Per fortuna alcuni Comuni hanno capito che non tutte le norme vanno interpretate alla lettera.

La norma dice una cosa...ma nel pratico è assolutamente impensabile richiedere un'agibilità per un singolo appartamento in un condominio dato che, nella documentazione da presentare, ci sono dei documenti condominiali quasi sempre assenti e irreperibili (i collaudi statici, le DiCo degli impianti comuni etc.).

Documenti senza i quali la sciura Maria del terzo piano e Peppino del secondo campano comunque e che dunque non hanno intenzione di reperire (dunque pagare).
Gli amministratori poi....si adagiano a quello che l'assemblea dice.

Conclusione: presenta una fine lavori dichiarando che le opere rispecchiano il progetto presentato e, qualora avessi toccato gli impianti, con le DiCo in mano che accertano che i tuoi impianti rispecchiano la normativa attuale sei a posto.
archspf :
Infatti concordo con l'interpretazione data, comunque a molti altri colleghi e stessi comuni, laddove per opere di M.S., sempreché non ci sia rifacimento di impianti termici e comunque opere significative che incidono sulla prestazione energetica, non serve produrre una nuova agibilità.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.