Categoria Catastale non legittima

messaggio inserito lunedì 5 luglio 2021 da Giacomo

Giacomo : [post n° 448718]

Categoria Catastale non legittima

Buongiorno, avrei bisogno di un consiglio su una pratica per un cliente:
Il cliente è proprietario di un unità immobiliare al piano terra, accatastata come locale commerciale (C\1).
Al comune abbiamo scoperto che, da licenza, la destinazione d'uso è residenziale e non commerciale.
Ora a mio avviso le strade sono 2:
1) Accertamento di conformità con cambio di destinazione d'uso, se consentita per rendere il locale commerciale conforme (permesso di costruire);
2) Variazione catastale per tornare alla destinazione residenziale anche catastalmente. In questo caso, basterebbe una variazione catastale senza pratiche al comune?
Infine (lo indico a parte per non creare confusione), giusto per non farci mancare nulla, lo stato legittimo della licenza edilizia non è conforme ne' allo stato attuale, ne' lo è mai stato. Quindi andrebbe comunque sanata la distribuzione degli spazi interni (col permesso di costruire nel caso 1), con una cila tardiva nel caso 2)??)
Grazie
archspf :
Francamente non credo abbia molto senso fare un accertamento di conformità se l'intenzione è quella di mantenere la destinazione d'uso residenziale: consideriamo infatti, che se tutt'ora a questo scopo è utilizzata, è solo un errore catastale che non incide sulla destinazione funzionale assentita urbanisticamente.

Ritengo pertanto che la procedura corretta sia: Cila per diversa distribuzione degli spazi interni e nuova variazione catastale.
Da precisare che sarebbe quantomeno opportuno "allineare" lo stato assentito con il catasto prima di procedere alla nuova variazione: in tal caso si dovrà dimostrare dell'errore ed indicare gli estremi del titolo che legittima la destinazione d'uso corretta.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.