Passaggio da C3 a C6

messaggio inserito mercoledì 8 settembre 2021 da C3

C3 : [post n° 450751]

Passaggio da C3 a C6

Buonasera, avrei bisogno di informazioni circa le "conseguenze" del cambio di destinazione d'uso da C3 a C6. L'immobile, che si trova al piano terra di fabbricato adibito ad abitazione,risulta accatastato come C3 ma di fatti viene utilizzato come garage dai proprietari. Quindi vorrebbero effettuare un cambio d'uso senza opere per allinearlo al reale uso che ne viene fatto e chiaramente anche ai fini fiscali. Quali sono i pro e i contro di un cambio di questo tipo? Si rischia di non poter in futuro trasformare nuovamente, con i dovuti permessi, l'unità immobiliare in altra categoria (es.: Nuovamente C3 oppure in cat A, nel caso si volesse affittare il locale)? Leggevo su alcuni forum che col passaggio a pertinenza si ha la perdita di superfici utile.
NDS_Arch :
Qualsiasi risposta che ricevi (sia da noi colleghi in maniera informale, non conoscendo la situazione, sia da un funzionario del Comune) sarà data in funzione di ciò che la normativa locale permette AD OGGI.

Nessuno sa cosa succederà negli anni a venire, come cambieranno le norme che regolano i cambi d'uso.

Quindi mio personale consiglio è: lasciare tutto così com'è.

Faccio però un ulteriore appunto. Do per scontato che l'immobile sia urbanisticamente legittimato come laboratorio (i tuoi riferimenti solo solo relativi alla categoria catastale, che nulla ha a che vedere con l'urbanistica).

Magari vedendo le pratiche edilizie scopri che è stato accatastato come C3 ma in realtà agli atti (urbanistici) risulta come deposito.

Quindi verifica l'urbanistica, il catasto si adatta a quello che l'urbanistica dice.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.