STIMA DI IMMOBILE RESIDENZIALE DOPO MIGLIORIE

messaggio inserito lunedì 14 marzo 2022 da estueta

estueta : [post n° 458594]

STIMA DI IMMOBILE RESIDENZIALE DOPO MIGLIORIE

Buongiorno,
il conduttore di un immobile (da oltre 30 anni in comodato d'uso da parte del padre ora defunto) ha apportato notevoli e importanti migliorie nel corso del tempo (diversa distribuzione, impianti, pavimenti, finiture, infissi).
Per la definizione della ripartizione dell'asse ereditario il conduttore ora chiede la stima dell'immobile che tenga conto, appunto, di tutte le grandi migliorie apportate. Il livello di prestazioni raggiunto dall'immobile e le caratteristiche dello stesso sono molto elevate tanto da rendere difficile una semplice valutazione comparativa con beni simili esistenti sul mercato.
Può essere corretto quindi elaborare una stima del tipo "per valore di ricostruzione deprezzato" ovvero computando tutte le opere migliorative eseguite attualizzandole ad oggi e deprezzandole utilizzando un coefficiente di degrado? Il dato così ottenuto andrebbe sommato poi ad una valutazione considerando l'immobile con caratteristiche e finiture ordinarie?
Grazie
archspf :
A mio parere è sufficiente rimodulare i parametri di stima, facendo riferimento allo stato effettivo di conservazione dell'immobile, in questo caso superiore a quello "normale".
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.