Cambio di Destinazione d'uso

messaggio inserito giovedì 12 maggio 2005 da Gian

Gian : [post n° 50323]

Cambio di Destinazione d'uso

vorrei trasformare un negozio di parrucchiere in uffcio senza fare opere edili. il tecnico comunale mi ha detto che devo fare un cambio di destinazione ma io non sono d'accordo perchè sulle norme tecniche nella zona (B) in cui è inserito l'edifico è esplicitamente scritto che nelle destinazioni non residenziali ammesse ci sono gli uffic, gli esercizi commerciali etc. Il tecnico insiste dicendo che il parrucchiere è un'attività artigianale e non un esercizio commerciale per cui devo fare il cambio. Ora sin base a cosa un comune può considerare il parrucchiere un'attività artigianale e non un esercizio commerciale? Dove posso trovare un riferimento legislativo che normi la clessificazione delle attività? grazie
delli :
premesso che il commercio è competenza regionale e non so come funziona da te...
il parrucchiere (in lombardia, anche se adesso non ho il riferimento legislativo sottomano) è considerato come un "artigianato di servizio" ma dipende come paghi gli oneri... se esiste negli oneri il valore per queste attività... credo che non si paghino come artigianato "produttivo"... dalle mie parti si pagano come commerciale non essendoci un valore di oneri "specifico" per queste attività vie di mezzo tra commercio e produttivo
questo è tanto per darti un'idea... in ogni caso nelle nta del comune dovrebbe esserci una definizione specifica delle destinazioni
bye bye
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.