che voglia di partire..

messaggio inserito venerdì 24 marzo 2006 da tristanio!

tristanio! : [post n° 78716]

che voglia di partire..

una giornata come tante altre.. solo, davanti al pc, con esecutivi da ultimare.. Lavoro in uno studio da meno di un anno; e la metà l'avrei potuta buttare nel cesso. La condizione è tale che l'arch per cui lavoro può permettersi di fare pochi lavori l'anno, e farseli pagare molto bene. Il suo tempo dunque lo passa più per i suoi interessi che per lavoro; e pure può permettersi di farci perdere tempo a disegnare e cancellare, disegnare e cancellare.. Siamo giunti al punto che ci evita, noi desiderosi di correggere assieme i lavori che noi stessi ci inventiamo,pur di fare, imparare, ragionare. Direte che me ne devo andare: lo so. Ma non in un altro studio italiano, provinciale, politicizzato,raccomandato. La voglia di cambiare aria, città, paese è tanta.. Doloroso a dirsi, le cose che mi mancherebbero sono poche. Gli affetti.. la pizza..! Nient'altro. Nessuna parola sulla condizione precaria; implicita.. Ora non posso; ho dei vincoli che me lo impediscono. E quest'attesa è lancinante.. Letture, concorsi, amici, amore non soddisfano quest'ansia.. La paura di rammollirsi, rallentarsi, sedersi..
Scusate lo sfogo.. solo voglia di parlarne..
Buona giornata a tutti
pigmentus :
.......reagisci!!!!
patty :
...lavoro...amici...amore....
Ronin :
lavori da un anno, sembra che ne siano passati 45... se in studio stai lì a perdere tempo e il capo ti evita, USA quel tempo per cercare altrove: anche se la situazione è molto pesante, c'è sempre qualcuno che ha bisogno di persone davvero valide
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.